Il sabba delle streghe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il sabba delle streghe
Witches.jpg
AutoreFrancisco Goya
Data1821-1823
Tecnicaolio su tela
Dimensioni140×438 cm
UbicazioneMuseo del Prado, Madrid

Il sabba delle streghe (El Aquelarre) è un dipinto a olio su muro trasportato su tela (140x438 cm) del pittore spagnolo Francisco Goya, realizzato nel 1821-1823 e conservato al museo del Prado di Madrid.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nel dipinto è raffigurato Satana mentre, elevandosi su un ammasso roccioso e ammantato in un abito clericale, apostrofa la folla al suo cospetto.[1] Presenta una fisiognomia caprina, con tanto di barbetta e corna, e di lui non intravediamo che una silhouette: l'origine di un'immagine come questa va probabilmente ricercata in un'illustrazione del 1652 di Athanasius Kircher raffigurante l'antica divinità cananea Moloch.[2]

Al cospetto di questa figura demoniaca vi troviamo, disposte a semicerchio, un gruppo di donne accovacciate e perlopiù terrificate: si tratta con tutta probabilità di una congrega di streghe. Di queste alcune chinano il capo per il terrore, altre osservano Satana con sguardo assorto e rapito: per dirla con le parole dello storico dell'arte Brian McQuade, la «sub-umanità di queste persone è enfatizzata dalle loro fisionomie bestiali e dai loro sguardi idiotici». Quasi tutte le streghe sono scosse da un'agitazione febbrile, e sono prontamente apostrofate da Satana che, così come già successe nel 1815 con la Giunta delle Filippine, impone la sua autorità non mediante il rispetto e un carisma personale, bensì grazie alla paura, alla rivalità e alla discordia.[3] Il pennello di Goya in questa lunghissima striscia di tenebra ed abisso dichiara l'influenza alle immagini di Velázquez, Jusepe de Ribera (fervente ammiratore di Caravaggio) e infine di Rembrandt.[4] In questo concorso di streghe traspare la furente critica di Goya rivolta alla disumanizzazione della folla, che qui perde i propri tratti individuali per miscelarsi in un grappolo grottesco di visi deformi e terrorizzati.

A destra di Satana troviamo una vecchia in posizione tergale, con la faccia seminascosta e avvolta da un copricapo bianco, che rivolge il proprio sguardo alle consorelle, facendosi spazio tra le varie bottiglie e fiaschette vuote abbandonate sul terreno: come osservato il critico Robert Hughes, probabilmente «contenevano le droghe e i filtri necessari per le cerimonie demoniache».[5] All'estrema destra della tela, infine, scorgiamo una figura femminile appartata, elegantemente vestita e dai tratti somatici incerti: si tratta, probabilmente, di una donna pronta per essere iniziata alla pratica dei culti satanici, anche se altri critici d'arte vi hanno identificato Leocadia Zorrilla, la giovane fanciulla compagna di Goya che - trasferitosi con lui alla Quinta del Sordo - assisteva impotente ai suoi incubi.[6] Così come per le altre Pitture Nere, infine, Goya iniziò a dipingere Il sabba delle streghe partendo da una tela nera come il catrame, per poi aggiungervi violente pennellate di grigi, blu e marroni: non di rado, tuttavia, il pittore scelse di lasciare esposta la trama della tela sottostante, come nel caso della figura di Satana.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dowling, 453.
  2. ^ Posèq, 37.
  3. ^ Boime, 111.
  4. ^ Acton, 93–95.
  5. ^ Hughes, 385.
  6. ^ Hughes, 385.
  7. ^ Hughes, 382.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Acton, Mary. Learning to Look at Paintings. New York: Routledge, 1997. ISBN 978-0-415-14890-0
  • Boime, Albert. Art in an Age of Counterrevolution, 1815–1848. Chicago: Chicago University Press, 2004. ISBN 978-0-226-06337-9
  • Dowling, John. "Buero Vallejo's Interpretation of Goya's Black Paintings". Hispania, Volume 56, N. 2, Maggio 1973.
  • Hughes, Robert. Goya. New York: Alfred A. Knopf, 2004. ISBN 978-0-394-58028-9
  • Posèq, Avigdor. "The Goat in Goya's Witches' Sabbaths". Notes in the History of Art, Volume 18, No. 4, 1999

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pittura