Il nostro bisogno di consolazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il nostro bisogno di consolazione
Titolo originale Värt behov av tröst
Autore Stig Dagerman
1ª ed. originale 1952
Genere monologo
Lingua originale svedese
« Mi manca la fede e non potrò mai, quindi, essere un uomo felice, perché un uomo felice non può avere il timore che la propria vita sia solo un vagare insensato verso una morte certa. »
(Il nostro bisogno di consolazione, Stig Dagerman)

Il nostro bisogno di consolazione è un'opera letteraria dello scrittore svedese Stig Dagerman, pubblicata per la prima volta nel 1952 su un periodico.

Scritto sotto forma di monologo, il libro appare come una sorta di testamento spirituale dell'autore prima del suo suicidio nel 1954, nonostante non si tratti della sua ultima opera. Nella manciata di pagine che compongono il testo ritroviamo il male di vivere dello scrittore, soffocato dal peso del suo talento e delle enormi aspettative che esso ha suscitato, e dalla consapevolezza che la felicità e la libertà a cui l'uomo aspira sono irraggiungibili.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]