Il melangolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
il melangolo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione1976 a Genova
Sede principaleGenova
Persone chiave
  • Francangelo Scapolla (presidente)
  • Marco Fidora (direttore generale)
  • Simone Regazzoni (direttore editoriale)
SettoreEditoria
ProdottiLibri, riviste
Sito web

Il melangolo è una casa editrice fondata a Genova nel 1976.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La casa editrice fu fondata da Carlo Angelino[2] e Elio Gioanola, due professori del dipartimento di filosofia[3] dell'Università di Genova i cui interessi culturali ne indirizzarono inizialmente l'attività editoriale, e da tre studenti, Adolfo Beverini, Vittorio Bo e Renato Sartoris.[4] Il melangolo che le dà il nome è l'arancia amara citata da Eugenio Montale nell'Ode a Pico Farnese.[5]

Nel 1990 i fondatori della casa editrice cedettero il 51% alla Einaudi che di lì a poco confluì nella Elemond[6]. Nel 1996 due dei soci fondatori rimasti, Angelino e Sartoris, rilevarono la quota in mano a Elemond insieme ad una decina di amici tra cui Roberto Cerati (l'ex direttore commerciale della Einaudi), Francangelo Scapolla (stampatore con Microart's e piccolo editore con Le Mani), Francesco Casà, manager ex coop che assunse il ruolo di direttore editoriale. La società fu rinominata Nuovo Melangolo[5].

Principali attività[modifica | modifica wikitesto]

Il Melangolo pubblica volumi di saggistica, filosofia, antropologia, antichistica e letteratura, e viene considerata specializzata in filosofia[7]. Si qualifica come medio editore ai sensi ISTAT avendo pubblicato oltre 10 volumi ogni anno dal 1981 al 2017.[8]

Tra i libri di successo: Lezioni di Heidegger, Il concetto di Dio dopo Auschwitz di Hans Jonas, il Conde e Le voci di Claudio Magris.[5] La prima collana si chiamava Opuscola, poi ne saranno varate altre (Nugae, Nova, Fuori collana, Lecturae, Teatro di Genova, Opera, Università).[4] Tra gli autori: Umberto Eco, Ben Jelloun, Munari, Zeri, Fruttero & Lucentini, Christoph Bataille.

Pubblica inoltre due riviste semestrali dedicate alla filosofia: Eidos, diretta da Angelino, e Estetica, diretta da Massimo Cacciari.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuliano Vigini, Editore, in Enciclopedie on-line, V appendice, Istituto Treccani, 1992. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  2. ^ Storia della facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Genova (PDF), Giovanni Assereto (a cura di), Società Ligure di Storia Patria, 2016, pp. 202. URL consultato il 20 marzo 2018.
  3. ^ Il Melangolo editore, in La fabbrica del libro, 10-13, Arte tipografica, 2004, pp. 29. URL consultato il 22 marzo 2018.
  4. ^ a b c Il Nuovo Melangolo, su fondazionemondadori.it. URL consultato il 20 marzo 2018.
  5. ^ a b c Il Melangolo festeggia i vent'anni ed è "nuovo", su ricerca.repubblica.it, 21 settembre 1996. URL consultato il 20 marzo 2018.
  6. ^ Toni Muzi Falconi, Editoria a Milano: la grande transizione, Assolombarda, 2000, pp. 36. URL consultato il 22 marzo 2018.
  7. ^ Francesco M. Cardarelli, Il Melangolo, ricercare la qualità e il pareggio di bilancio, U.R.P. del CNR, 21 dicembre 2012. URL consultato il 21 marzo 2018.
  8. ^ Ricerca OPAC SBN, su opac.sbn.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]