Vittorio Bo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vittorio Bo

Vittorio Bo (Buenos Aires, 3 luglio 1953) è un editore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1976 ha fondato la casa editrice Il melangolo di Genova. Dal 1990 al 2001, dopo aver ricoperto numerosi incarichi manageriali per alcuni gruppi industriali italiani, è stato Amministratore Delegato e Direttore generale presso la Giulio Einaudi Editore.[1] Nello stesso periodo ricopre numerosi incarichi all'interno del gruppo Arnoldo Mondadori Editore [2].

Nel 2002 fonda con Maria Perosino la società Codice. Idee per la Cultura, tramite la quale inizia a occuparsi in modo attivo di ideazione e gestione di progetti culturali in Italia e all'estero. Un anno dopo, nel 2003 fonda a Torino la casa editrice Codice Edizioni, specializzata in editoria scientifica, tecnologica e culturale.[3]

Dopo aver partecipato alla fase di ideazione e progettazione, dal 2003 al 2015 ha diretto a Genova il Festival della Scienza, manifestazione di carattere internazionale dedicata alla divulgazione scientifica e tecnologica[4].

Nel 2007 ha ricevuto il Premio Divulgazione Scientifica della XIX edizione del Premio Eni Italgas.[4]

Nel 2009, in occasione dei dieci anni dalla morte di Fabrizio De André, cura, insieme a Guido Harari, Vincenzo Mollica e Pepi Morgia, l'evento "Fabrizio De Andrè. La mostra" (Genova, Nuoro).[5]

Nel 2011 ha ricevuto il Premio come Miglior Direttore di Festival per il Festival della Scienza (Genova) al Festival of Festivals di Bologna.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN81675017 · ISNI (EN0000 0003 8523 5898 · LCCN (ENn2009070292