I piaceri e i giorni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I piaceri e i giorni
Titolo originaleLes Plaisirs et les Jours
Jacques-Emile Blanche Portrait de Marcel Proust 1892.jpg
Dipinto ritraente Proust
AutoreMarcel Proust
1ª ed. originale1896
1ª ed. italiana1945
Genereprosimetro
Lingua originalefrancese

Les Plaisirs et les Jours è una raccolta di poesie e prose di Marcel Proust pubblicata nel 1896 presso Calmann-Lévy, con introduzione di Anatole France. La prima traduzione italiana, parziale, è di Beniamino Dal Fabbro uscita presso Bompiani nel 1945 con il titolo Malinconica villeggiatura. L'anno successivo è uscita la traduzione completa di Marise Ferro, al quale sono seguite quella di Claudio Rendina e di Mariolina Bongiovanni Bertini.

Ispirata al decadentismo elegante di Robert de Montesquiou, in edizione di lusso, è stata la prima opera in volume del futuro autore di À la recherche du temps perdu, ogni parte del libro può essere letta come a sé stante, ma la lettura continua di tutte le sue parti rende coerente e unitario il mondo dei salotti di Parigi che Proust frequentava abitualmente, quasi si trattasse di un'anticipazione del suo romanzo monumentale.

Parti della raccolta[modifica | modifica wikitesto]

  • Avant-propos, dédié à son ami Willie Heath, mort l'année précédente (Al mio amico Willie Heath[1]), sorta di dedica datata luglio 1894
  • La mort de Baldassare Silvande, vicomte de Sylvanie (La morte di Baldassarre Silvande), racconto in 5 capitoli, datato ottobre 1894
  • Violante ou la Mondanité (Violante o la mondanità), racconto in 4 capitoli, datato agosto 1892
  • Fragments de comédie italienne (Frammenti di commedia italiana)
    • I. Le amanti di Fabrizio
    • II. Le amiche della contessa Myrto
    • III. Eldemone, Adalgisa, Ercole
    • IV. L'incostante
    • V. (senza titolo, inizia con "La vita è stranamente facile e dolce per certe persone di una grande signorilità naturale, intelligenti, affettuose, ma capaci di ogni vizio, benché non ne esercitino nessuno pubblicamente e non si possa accusarle di uno in particolare")
    • VI. Cere perdute, in 2 capitoli
    • VII. Snob, in 4 capitoli
    • VIII. Orante
    • IX. Contro la franchezza
    • X. (senza titolo, inizia con "Un ambiente elegante è quello dove l'opinione di ciascuno si adatta a quella degli altri")
    • XI. Scenario
    • XII. Ventaglio
    • XIII. Olivio
    • XIV. Personaggi della commedia mondana
  • Mondanité et mélomanie de Bouvard et Pécuchet (Mondanità e melomania in Bouvard e Pécuchet), in 2 capitoli
  • Mélancolique villégiature de Mme de Breyves (Malinconica villeggiatura della signora di Breyves), in 5 capitoli
  • Portraits de peintres et de musiciens (Ritratti di pittori e musicisti), in versi[2]
  • La confession d'une jeune fille (La confessione di una ragazza), in 4 capitoli
  • Un dîner en ville (Un pranzo), in 2 capitoli
  • Les regrets, rêveries couleur du temps (Rimpianti e sogni, colore del tempo), in 30 capitoli
  • La fin de la jalousie (La fine della gelosia), in 3 capitoli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Titoli italiani e citazioni sono prese dall'ed. di C. Rendina.
  2. ^ Sono i pittori Aelbert Cuyp, Paulus Potter, Antoine Watteau, Anton Van Dyck e i musicisti Fryderyk Chopin, Gluck, Schumann e Mozart.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb12134358b (data)
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura