ISDB

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'Integrated Services Digital Broadcasting (ISDB) è lo standard digitale per la televisione e la radio usato in Giappone. L'ISDB ha rimpiazzato lo standard precedente, il MUSE, analogo all'HDTV. Un derivato dell'ISDB, l'ISDB-T International, è stato sviluppato dal governo brasiliano ed è stato largamente adottato in Sudamerica.

L'ISDB, come gli altri standard, si declina in tre forme, a seconda del tipo di tecnica di trasmissione adottata:

ISDB-T[modifica | modifica wikitesto]

Versione terrestre.

1seg[modifica | modifica wikitesto]

Parte del segnale ISDB-T destinato a dispositivi come telefoni.

1seg in Giappone trasmette a 15 fotogrammi al secondo, mentre è 30 in Brasile. Dobbiamo quindi prestare attenzione alle capacità del dispositivo che stiamo acquistando.

ISDB-Tmm[modifica | modifica wikitesto]

Derivato da 1seg per dispositivi mobili più moderni.

ISDB-Tsb[modifica | modifica wikitesto]

Derivato da 1seg destinato a trasmettere solo audio.

ISDB-Tb[modifica | modifica wikitesto]

Il Brasile ha apportato miglioramenti (ad esempio, H.264) che sono stati tradotti dallo standard chiamato SBTVD, ISDB-Tb, ISDB-T International o SATVD (Argentina). Questo standard è offerto da Giappone e Brasile in tutto il mondo.

MPEG-H Audio, HLG e SL-HDR1 sono stati aggiunti a ISDB-Tb nel 2019.

ISDB-C[modifica | modifica wikitesto]

Versione cablata.

ISDB-S[modifica | modifica wikitesto]

Versione satellitare.

ISDB-S3[modifica | modifica wikitesto]

Nuova versione satellitare che supporta 4K, 8K, HDR, HFR e l'audio 22.2. [1]

Futuro[modifica | modifica wikitesto]

Una nuova versione terrestre dovrebbe essere proposta nel 2020 e approvata nel 2021.

Ciò sarebbe in grado di supportare 4K, 8K, HDR, HFR e audio immersivo. [2]

È stato suggerito di utilizzare la compressione video VVC.

Paesi che adottano l'ISDB-T o l'ISDB-Tb[modifica | modifica wikitesto]

Asia[modifica | modifica wikitesto]

America[modifica | modifica wikitesto]

  • Brasile Brasile (ufficialmente adottato l'ISDB-T International, iniziato il broadcasting digitale)
  • Uruguay Uruguay (ufficialmente adottato ISDB-T International, prove di preimplementazione)[6][7]
  • Perù Perù (ufficialmente adottato ISDB-T International, inizio del broadcasting digitale)
  • Argentina Argentina (ufficialmente adottato ISDB-T International, inizio del broadcasting digitale)
  • Cile Cile (ufficialmente adottato ISDB-T International, inizio del broadcasting digitale)
  • Venezuela Venezuela (ufficialmente adottato ISDB-T International, inizio del broadcasting digitale)
  • Ecuador Ecuador (ufficialmente adottato ISDB-T International, prove di preimplementazione)
  • Costa Rica Costa Rica (ufficialmente adottato ISDB-T International, prove di preimplementazione)
  • Paraguay Paraguay (ufficialmente adottato ISDB-T International, prove di preimplementazione)[8]
  • Bolivia Bolivia (ufficialmente adottato ISDB-T International, prove di preimplementazione)[9][10]
  • Belize Belize (stanno valutando la piattaforma digitale)
  • Guatemala Guatemala (ufficialmente adottato ISDB-T International)
  • Honduras Honduras (ufficialmente adottato ISDB-T International)
  • Nicaragua Nicaragua (ufficialmente adottato ISDB-T International, iniziate le prove di preimplementazione)[11]
  • El Salvador El Salvador (ufficialmente adottato ISDB-T International)

Africa[modifica | modifica wikitesto]

  • Botswana Botswana (ufficialmente adottato ISDB-T International)
  • Angola Angola (ufficialmente adottato ISDB-T International)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.arib.or.jp/english/std_tr/broadcasting/std-b63.html
  2. ^ https://www.itu.int/en/ITU-R/terrestrial/broadcast/Americas/Documents/Presentations_Panama/ISDB-T.pdf
  3. ^ Copia archiviata, su malaya.com.ph. URL consultato il 17 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2012).
  4. ^ DTV Pilipinas: News5 InterAksyon: We're "turning Japanese" on digital TV platform
  5. ^ (JA) モルディブ共和国政府による同国国営放送の地デジ日本方式採用決定、日・モルディブ共同声明を公表 [Republic of Maldives decided to adopt ISDB-T, Japan-Maldives issued a joint statement], Tokyo, Ministry of Internal Affairs and Communications, 19 ottobre 2011. URL consultato il 19 ottobre 2011.
  6. ^ DTT: Uruguay Regains Common Sense, Montevideo, Uruguay, ttv medianews, 28 dicembre 2010. URL consultato il 29 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2011).
  7. ^ Gobierno se decidió por la norma japonesa
  8. ^ Presidencia de la República » 4483, POR EL CUAL SE ADOPTA EL ESTÁNDAR ISDB-T (INTEGRATED SERVICES DIGITAL BROADCASTING TERRESTRIAL) PARA EL SERVICIO DE RADIODIFUSIÓN EN LA MOD...
  9. ^ (JA) Ministry of Internal Affairs and Communications, ボリビア多民族国における地上デジタルテレビ放送日本方式採用の決定 [The decision to adopt Japanese DTT system at Plurinational State of Bolivia], su soumu.go.jp, Tokyo, Japan, 5 luglio 2010. URL consultato il 7 luglio 2010.
  10. ^ Bolivia adoptará el sistema digital de TV japonés-brasileño que regirá desde el 2011 Archiviato il 29 settembre 2011 in Internet Archive.
  11. ^ TeleSemana, Nicaragua opta por la noma brasileña-japonesa para TV digital, su telesemana.com, 10 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione