Hussain Hotak

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hussain Hotak

Hussain Hotak (... – 1738) fu l'ultimo sovrano della dinastia Hotak .

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Mirwais Hotak, fu il quinto e ultimo sovrano della dinastia Hotak di origine etnica pashtun (afgana) della tribù Ghilji. Succedette al trono dopo la morte del fratello Mahmud Hotak nel 1725. Fu anche un poeta in lingua pashto. Mentre suo cugino Ashraf regnava su gran parte della Persia da Esfahan, Hussain regnava su quello che è oggi l'Afghanistan da Kandahar.[1]

La morte di Ashraf Khan, nel 1729, segnò la fine del brevissimo periodo di comando degli Hotak sulla Persia (Iran), ma quello che è oggi l'Afghanistan rimase sotto il controllo di Hussain fino al 1738, quando Nadir Shah lo conquistò. Fu solo una breve pausa prima della nascita dell'ultimo impero afgano,[2] predecessore del moderno Afghanistan, nel 1747.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AN OUTLINE OF THE HISTORY OF PERSIA DURING THE LAST TWO CENTURIES (A.D. 1722–1922), su Edward G. Browne, London, Packard Humanities Institute, p. 31. URL consultato il 24 settembre 2010.
  2. ^ Last Afghan empire, su Louis Dupree, Nancy Hatch Dupree and others, Encyclopædia Britannica Online. URL consultato il 17 ottobre 2009.
  3. ^ AFGHANISTAN x. Political History, su D. Balland, Encyclopædia Iranica. URL consultato il 25 settembre 2010.
  4. ^ Martijn Theodoor Houtsma, E.J. Brill's first encyclopaedia of Islam 1913–1936, vol. 2, BRILL, 1987, p. 146, ISBN 978-90-04-09796-4. URL consultato il 25 settembre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]