Hundabrævið

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il termine faroese Hundabrævið (in danese Hundebrevet, in italiano Carta dei cani) indica un documento medievale scritto sulle isole Fær Øer tra il 1350 e il 1400. Si trattava di una legge del Løgting che stabiliva le linee-guida circa il possesso di cani. Tale legge prevedeva che i cani potessero essere accettati soltanto per salvaguardare il bestiame, ma prevedeva anche l'esecuzione di questi animali nel caso avessero arrecati danni a persone o ad altri animali.[1]

Il documento è di grande importanza non tanto per la legge in esso contenuta, quanto per il fatto che qui per la prima volta sono citati i nomi di diversi villaggi e insediamenti nell'arcipelago, e quindi permette di conoscere il numero di insediamenti umani presenti all'epoca.

Gli insediamenti nominati per la prima volta nell'Hundabrævið sono: Hattarvík, Kirkja, Viðareiði, Múli, Kunoy, Mikladalur, Húsar, Elduvík, Leirvík, Lamba, Nes, Skála, Strendur, Selatrað, Oyri, Eiði, Hvalvík, Kollafjørður, Vestmanna, Saksun, Nólsoy, Koltur, Miðvágur, Sørvágur, Gásadalur, Mykines, Skálavík, Húsavík, Dalur, Skarvanes, Øravík, Porkeri, Vágur e Fámjin.[2] Probabilmente, molti di questi esistevano già prima del XIV secolo, ma non sono citati in documenti più antichi come il Seyðabrævið o la Saga dei Faroesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Oficina de Filatelia Feroesa, Historic writings, su faroestamps.f. URL consultato il 9 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2015).
  2. ^ Heimabeiti