Hitler e il nazismo magico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hitler e il nazismo magico
Le componenti esoteriche del Reich millenario
AutoreGiorgio Galli
1ª ed. originale2001
Generesaggio
Sottogenerestoria
Lingua originale italiano

Hitler e il nazismo magico è un saggio di Giorgio Galli. L'autore indaga nella storia della Germania nazista alla ricerca delle influenze esoteriche che avrebbero influenzato Hitler e la sua più stretta cerchia di collaboratori. Nucleo centrale del saggio è l'individuazione di motivazioni occulte alle scelte decisive del vertice nazista, scelte altrimenti inspiegabili secondo le comuni categorie del logico e dell'umanamente tollerabile. Alla base di tali motivazioni c'è lo scontro tra le forze primordiali avverse del bene e del male, delle quali forze Hitler e il vertice sarebbero degli iniziati. Il loro operato, sin dagli esordi (e in effetti è documentata l'organicità del nascente NSDAP a importanti organizzazioni dell'occultismo) si configurerebbe come sforzo di calare nel politico quelli che sono obiettivi propri dell'occultismo, secondo un piano predeterminato e che troverebbe una sua unitarietà nello sviluppo del nazismo, dalle origini alla disfatta finale. Secondo tale interpretazione, l'antisemitismo sarebbe il principale di tali obiettivi. In particolare Galli individua nell'attacco tedesco all'URSS del 1941 il tentativo di impadronirsi della Heartland, il cuore mistico dell'Eurasia secondo le teorie di Karl Haushofer.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]