Hispano-Suiza Alfonso XIII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hispano-Suiza Alfonso XIII
Hispano-Suiza Alfonso XIII.jpg
Descrizione generale
Costruttore Spagna  Hispano-Suiza
Tipo principale spyder
Produzione dal 1911 al 1914
Sostituisce la Hispano-Suiza 20HP
Sostituita da Hispano-Suiza T26
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4100 mm
Larghezza 1520 mm
Passo 2640-3000 mm
Massa (solo il telaio) 660-762 kg
Altro
Auto simili Peugeot Type 136 e 144
Panhard & Levassor 18CV

La Alfonso XIII è un'autovettura prodotta dal 1911 al 1914 dalla Casa automobilistica franco-spagnola Hispano-Suiza.

Profilo e storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1909, la Hispano-Suiza, già forte di alcune esperienze in campo sportivo fin dai primi anni di vita, vide un'altra occasione per mettere in mostra le qualità delle sue vetture. L'allora sovrano spagnolo Alfonso XIII, già cliente presso la Casa di Barcellona, nonché grande appassionato di automobili, istituì la Coppa della Catalogna: la prima e la seconda edizione di tale manifestazione, però, ebbero esito negativo per le Hispano-Suiza da gara messe a punto da Marc Birkigt e furono vinte entrambe dalle Peugeot. Fu invece la Coupe de l'Auto del 1911, che vide le Hispano-Suiza trionfare. Le vetture preparate per quell'anno dal direttore tecnico della Casa spagnola riscossero un tale clamore da convincere i vertici della Hispano-Suiza a lanciarne in produzione una versione stradale. Pochi ritocchi per adattarla al nuovo uso e la vettura fu pronta. Lo stesso re Alfonso XIII fu talmente entusiasta di questo nuovo modello da accettare che la vettura fosse battezzata con il suo stesso nome.
Inutile aggiungere che la Alfonso XIII riscosse un successo relativamente grande. Nel 1913 vi furono alcune modifiche meccaniche e telaistiche, volte a migliorarne la guidabilità e la brillantezza. Alla fine del 1914 fu tolta di produzione, ma gli ultimi esemplari furono venduti addirittura nel 1920.

Caratteristiche estetiche[modifica | modifica wikitesto]

La Alfonso XIII era una fondamentalmente una spider, ma a richiesta la si poteva avere anche con altre carrozzerie. Essendo un adattamento stradale di una vettura da competizione, rispetta quindi anche l'impostazione nel tipo di corpo vettura. Le dimensioni erano generose per l'epoca, ma non esagerate, pur rimanendo una vettura di fascia molto alta. Anteriormente era caratterizzata dai grossi fari circolari, accanto ai quali svettavano i grandi parafanghi anteriori dal disegno agile e spigoloso. Posteriormente, invece, troviamo dei parafanghi di diverso disegno, decisamente non spigoloso, ma piuttosto ad arco. Parafanghi anteriori e posteriori erano collegati tra loro da un predellino piuttosto alto, che dava l'impressione di una linea di cintura molto più bassa di quanto non fosse realmente e conferiva maggior slancio e dinamismo alla vista laterale. In coda era presente una ruota di scorta, a raggi come le ruote montate di serie.

Meccanica[modifica | modifica wikitesto]

Al suo debutto, la Alfonso XIII montava un motore anteriore longitudinale a 4 cilindri in linea da 3619 cm³ di cilindrata, da 60 CV di potenza massima. Innovativa per l'epoca era la distribuzione a valvole in testa comandate da un asse a camme, sempre in testa. Il cambio era a 3 rapporti, con trazione sulle ruote posteriori. La velocità massima era sicuramente di oltre 100 km/h, ma altre fonti dichiarano che la Alfonso XIII sarebbe in grado di raggiungere anche i 125 km/h.
Nel 1913, la Alfonso XIII subì alcune modifiche sostanziali: il passo fu allungato da 264 a 300 cm per migliorarne l'abitabilità, ma per non farle perdere la brillantezza che la distingueva fu adottato un nuovo cambio, dotato di 4 rapporti, in generale più corti di quelli del precedente cambio a tre marce. Il telaio era a longheroni e traverse, con sospensione ad assale rigido sui due assi ed impianto frenante consistente unicamente in due freni a tamburo sull'asse posteriore.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili