Halet Cambel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Halet Çambel

Halet Çambel (Berlino, 27 agosto 1916Istanbul, 12 gennaio 2014) è stata un'archeologa turca.

È stata anche prima schermitrice turca[1] e la prima donna mussulmana della storia a partecipare ad un'olimpiade.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sua madre, Remziye Hanım, era la figlia di Ibrahim Hakki Pasha, ex gran visir (in lingua turca ottomana: sadrazam o vezir-i âzam), equivalente al primo ministro dell'Impero ottomano, ambasciatore ottomano in Germania in quel periodo. Suo padre Hasan Cemil Çambel, era un diplomatico, addetto militare presso l'ambasciata. Frequentò il Liceo femminile di Arnavutköy (Arnavutköy Kız Lisesi) ad Istanbul. Dopo un periodo di formazione in Archeologia, Preistoria e Storia antica presso l'Università della Sorbona di Parigi, nel 1940 conseguì il dottorato[2][3]. Nel 1946, insieme all'archeologo Helmuth Theodor Bossert, scoprì la cittadella fortificata di Karatepe alla quale dedicò tutta la sua vita. Sposò Nail Cakirhan, che l'aiutò a realizzare il primo museo turco all'aperto su progetto dell'ingegnere Turgut Cansever[4]. Oggi il museo si chiama: Karatepe-Aslantaş Acık Hava Müzesi[5].

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Karatepe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Halet Çambel, Museo della Donna di Istanbul
  2. ^ Un archeologo scava con la sua vita, in Nature News, 7 July 2010. URL consultato il 12 giugno 2015.
  3. ^ Halet Çambel & Asli Ozizyar, Karatepe - Aslantas, Azatiwataya, die Bildwerke, 2003 Mainz am Rhein, Verlag Philipp von Zabern, 2003, ISBN 3-8053-3085-5.
  4. ^ Cfr. Halet Çambel & Asli Ozizyar, Karatepe - Aslantas, Azatiwataya, ibid.
  5. ^ Karatepe-Aslantaş Acık Hava Müzesi

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Šantaš und Kupapa. Neue Beiträge zur Entzifferung der kretischen und hethitischen Bilderhandschrift, 1932
  • (DE) Geschichte des Kunstgewerbes aller Zeiten und Völker, 6 Bände, Wasmuth, Berlin 1928-1935
  • (EN) The art of ancient Crete, London, 1939
  • (DE) Altanatolien, E. Wasmuth, Berlino 1942
  • (DE) Ornamente Der Volkskunst: Gewebe, Teppiche, Stickereien, Wasmuth, 1949
  • (DETR) Die Ausgrabungen auf dem Karatepe (Erster Vorbericht) - Karatepe Kazilari. Birinci ön-rapor, Ankara 1950
  • (DE) Altsyrien, 1951
  • (DE) Janus und der Mann mit der Adler- Oder Greifenmaske, Istanbul: Nederlands Historisch-Archaeologische Institut in her Nabije Oosten, 1959.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15189304 · ISNI (EN0000 0001 0872 8678 · LCCN (ENn85244277 · GND (DE132128128 · BNF (FRcb12387602n (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n85244277