Guglielmo Ludovico di Anhalt-Harzgerode

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guglielmo Ludovico di Anhalt-Harzgerode
Arolsen Klebeband 01 305.jpg
Principe di Anhalt-Harzgerode
In carica 1670 –
1709
Predecessore Federico di Anhalt-Bernburg
Successore L'Anhalt-Harzgerode ritornò all'Anhalt-Bernburg con Vittorio Amedeo
Nascita Harzgerode, 18 agosto 1643
Morte Harzgerode, 14 ottobre 1709
Dinastia Ascanidi
Padre Federico di Anhalt-Bernburg
Madre Giovanna Elisabetta di Nassau-Hadamar
Coniugi Elisabetta Albertina di Solms-Laubach
Sofia Augusta di Nassau-Dillenburg

Guglielmo Ludovico di Anhalt-Harzgerode (Harzgerode, 18 agosto 1643Harzgerode, 14 ottobre 1709) fu un principe tedesco della Casa di Ascania e ultimo governante del Principato di Anhalt-Harzgerode.

Era il figlio maggiore, e unico maschio, del principe Federico di Anhalt-Harzgerode e della sua prima moglie, Giovanna Elisabetta, figlia di Giovanni Ludovico, principe di Nassau-Hadamar.

Guglielmo Ludovico succedette al padre ad Harzgerode quando morì nel 1670. Dal 1660 al 1668 egli si trovava inoltre in seconda posizione come erede del principato di Anhalt-Bernburg, fino alla nascita del primo figlio maschio del cugino Vittorio Amedeo.

Guglielmo Ludovico si sposò a Laubach il 25 luglio 1671 con Elisabetta Albertina (Kassel, 6 marzo 1631 - Harzgerode, 2 gennaio 1693), figlia di Alberto Ottone II, conte di Solms-Laubach. La moglie aveva quattordici anni più di lui e probabilmente per questo motivo l'unione non produsse eredi.

A Frederiksborg, vicino a Copenaghen, Guglielmo Ludovico si sposò per la seconda volta il 20 ottobre 1695. La sposa era la principessa Sofia Augusta di Nassau-Dillenburg (Dillenburg, 28 aprile 1666 - Usingen, 14 gennaio 1733), figlia del principe Enrico. Anche questa unione non portò alla nascita di eredi, nonostante Sofia Augusta fosse più giovane del marito di ventitré anni.

Non avendo avuto discendenza, alla morte di Guglielmo Ludovico, l'Anhalt-Harzgerode venne nuovamente riunito con la linea principale dell'Anhalt-Bernburg, all'epoca guidata dal cugino Vittorio Amedeo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN441134 · GND (DE104173548 · CERL cnp01008160