Guglielmo Andreoli (1862)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Guglielmo Andreoli

Guglielmo Andreoli junior (Mirandola, 9 gennaio 1862Modena, 26 aprile 1932) è stato un pianista, violinista e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del maestro Evangelista Andreoli (1810-1875), prese il nome del fratello maggiore, Guglielmo senior, morto due anni prima della sua nascita. Altro fratello noto fu Carlo Andreoli.

Ricevette le sue prime lezioni di pianoforte e organo dal padre.

Dal 1876 studiò al Conservatorio di Milano con Polibio Fumagalli (organo), Giovanni Rampazzini (violino) e Antonio Bazzini (composizione).

Tra il 1877 e il 1887, aiutò il fratello Carlo ad organizzare una serie di 96 concerti sinfonici noti come Concerti popolari milanesi,[1] che diresse appena diplomato nel 1883 a soli 21 anni.[2] Fu direttore anche di concerti sinfonici alla Società del quartetto di Milano e fu per tre anni la viola del Quartetto Campanari fondato da Leandro Campanari.[3]

Presso il conservatorio milanese insegnò fino al 1927 armonia, contrappunto e pianoforte. Fra i suoi allievi si ricorda Victor de Sabata[4] e Luigi Picchi.

Andreoli compose una trentina di opere,[5] tra cui una fantasia sinfonica, due overtures per orchestra, requiem e altre partiture per quartetti d'archi, pianoforte e canto. Nel 1886 musicò La foglia di Giacomo Leopardi.

Andreoli curò per Casa Ricordi le riduzioni italiane delle opere di Beethoven, Mendelssohn, Weber, Stephen Heller (celebri i suoi 25 studi progressivi per pianoforte, Op. 47), Ignaz Moscheles, Joachim Raff, Ludvig Schytte e Chopin. Nel 1898 scrisse insieme ad Edgardo Codazzi un Manuale di armonia corredato da 763 esempi musicali e 210 esempi pratici, «opera informata di criteri fisici e sperimentali dell'Elmholtz e secondo molti principi teorici del Riemann, senza per questo tener calcolo degli armonici inferiori e della reale funzione melodico-armonica discendente del modo minore, in assoluto contrasto con quella ascendente del modo maggiore»;[6] il manuale ebbe molto successo e venne ristampato ed ampliato fino alla 13ª edizione. Supervisionò inoltre l'uscita della pedagogia musicale italiana a livello europeo di formazione teorica.[7]

Nel 1903 fondò a Milano l'Associazione Italiana degli Amici della musica, insieme a Enrico Annibale Butti, Franco Da Venezia, Giuseppe Frugatta, Giacomo Oreffice e Angiolo Orvieto.

Si sposò con Maria Gramigna.[8]

Ai fratelli Carlo e Guglielmo junior Andreoli è intitolata la scuola di musica di Mirandola e la filarmonica cittadina.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Allorto.
  2. ^ Atti e memorie, Societa tipografica modenese, 1933, p. 30.
  3. ^ Bianca Maria Antolini, Milano musicale 1861-1897, Libreria Musicale Italiana, 1999, p. 272, ISBN 88-7096-239-3.
  4. ^ Teodoro Celli, L'arte di Victor De Sabata, ERI, 1978, p. 109.
  5. ^ Giancarlo Rostirolla e Luciano Luciani (a cura di), Guida alle biblioteche e agli archivi musicali italiani, Istituto di bibliografia musicale (IBIMUS), 2004, p. 434, ISBN 978-88-88627-09-0.
  6. ^ Rassegna dorica cultura, cronaca musicale, De Santis, 1933, p. 303. URL consultato il 15 aprile 2018 (archiviato il 15 aprile 2018).
  7. ^ Nicholas Baragwanath, The Italian Traditions and Puccini: Compositional Theory and Practice in Nineteenth-Century Opera, Bloomington, Indiana University Press, 2011, p. 21.
  8. ^ Angelo Pedrazzi, Minuetto per pianoforte per le nozze della graziosa Maria Gramigna coll'egregio Guglielmo Andreoli, Bologna, Fratelli Cocchi, SBN IT\ICCU\MUS\0076875.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61195898 · SBN MUSV001701 · LCCN (ENno2001045731 · J9U (ENHE987007314118405171 · WorldCat Identities (ENlccn-no2001045731