Grotta del Romito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grotta del Romito
Grotta del romito3H.JPG
Esempio di sepoltura plurima
CiviltàPreistorica
EpocaPaleolitico superiore
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComunePapasidero
Altitudine296 m s.l.m.
Scavi
Data scoperta1961
Date scavianni '60; dal 2000 ad oggi
Archeologoanni '60 Paolo Graziosi, Mara Guerri, Santo Tinè; dal 2000 Unità di Preistoria, Università di Firenze[1]
Amministrazione
PatrimonioSoprintendenza Archeologica della Calabria
Visitabile
Sito webwww.grottaromito.com
Mappa di localizzazione

Coordinate: 39°54′39.24″N 15°55′41.52″E / 39.9109°N 15.9282°E39.9109; 15.9282

Grotta del Romito
Grotta del Romito.JPG
La grotta con il graffito preistorico
StatoItalia Italia
RegioneCalabria Calabria
ProvinceCosenza Cosenza
ComuniPapasidero
Altitudine296 m s.l.m.
Altri nomiRiparo del Romito

La grotta del Romito è un sito risalente al Paleolitico superiore contenente una delle più antiche testimonianze dell'arte preistorica in Italia[2], e una delle più importanti a livello europeo[3], situata in località Nuppolara nel comune di Papasidero, in Calabria, provincia di Cosenza.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

All'esterno si trovano alcune incisioni rupestri, tra le quali la più importante è un graffito su un grande masso raffigurante un maestoso bovide (Bos primigenius), e sepolture, risalenti a 11.000 anni fa circa. Il ritrovamento del graffito è avvenuto nel 1961, è stato datato dagli esperti come appartenente al Paleolitico superiore. Una riproduzione dell'originale si conserva al Museo Nazionale di Reggio Calabria. Altri reperti sono esposti al Museo e istituto fiorentino di preistoria.

Nel sito sono documentate anche frequentazioni riferibili al Mesolitico (datate a circa 9000 anni fa) e al Neolitico.

L'importanza del sito di Papasidero a livello europeo è legata alla presenza di evidenze paleolitiche, arte rupestre, sepolture (9 individui in tutto), reperti litici e faunistici, che coprono un arco temporale compreso tra 23.000 e 10.000 anni fa, ed hanno consentito la ricostruzione delle abitudini alimentari, della vita sociale e dell'ambiente dell'Homo sapiens[3].

Il sito è attualmente visitabile grazie all'intervento dell'Università di Firenze in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica della Calabria, il Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria ed il comune di Papasidero. Sul posto sono stati infatti realizzati interventi atti a garantire l'accesso alla grotta (passerelle, impianti di illuminazione) e la fruizione integrata del sito archeologico (visite guidate, brochure, materiali didattici per bambini). Il sito è altresì corredato di un antiquarium, dove sono esposti alcuni reperti[4].

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nomi degli scopritori
  2. ^ paleoart-italia.it, su paleoart-italia.it. URL consultato il 27 marzo 2020.
  3. ^ a b La grotta del Romito (comune di Papasidero)
  4. ^ Grotta del Romito, su Grotta del Romito. URL consultato il 27 marzo 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Romito cave (Papasidero, Cosenza, Italy). In: Bulletins et Mémoires de la Société d'anthropologie de Paris, Nouvelle Série. Tome 7 fascicule 3-4, 1995. pp. 99–137.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]