Greci ciprioti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Greci ciprioti
Ελληνοκύπριοι
Cyprus 1973 ethnic neutral.svg
L'area in giallo mostra un numero consistente di greci ciprioti nell'isola di Cipro (dati del 1973)
 
Luogo d'origineCipro Cipro
Popolazione1 150 000
Linguagreco moderno e dialetto cipriota
Gruppi correlatigreci
Notefonte[1]
Distribuzione
Cipro Cipro 650 000
Regno Unito Regno Unito 270 000
Stati Uniti Stati Uniti 50 000
Canada Canada 35 000
Sudafrica Sudafrica 25 000
Australia Australia 9 730 – 13 850

I greci ciprioti (in greco moderno Έλληνες Κύπριοι; in turco Kıbrıslı Rumlar) sono la popolazione cipriota di etnia greca,[2][3][4][5] che forma la più grande comunità etnolinguistica dell'isola, contenente il 78% della popolazione.[6] I greci ciprioti fanno parte della chiesa di Cipro, un'autocefalia della Chiesa greco-ortodossa entro la comunità ortodossa cristiana.[4][7]

Personaggi greci ciprioti[modifica | modifica wikitesto]

Storia antica[modifica | modifica wikitesto]

Moderni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeffrey Cole, Ethnic Groups of Europe: An Encyclopedia, ABC-CLIO, 2011, p. 92, ISBN 1-59884-302-8.
  2. ^ The Constitution - Appendix D: Part 01 - General Provisions, in Constitution of Cyprus, Republic of Cyprus. URL consultato il 9 febbraio 2010.
  3. ^ About Cyprus - History - Modern Times, in Government Web Portal - Areas of Interest, Government of Cyprus. URL consultato il 19 gennaio 2010.
  4. ^ a b Eric Solsten, A Country Study: Cyprus, in Federal Research Division, Library of Congress, gennaio 1991. URL consultato il 9 febbraio 2010.
  5. ^ The Orthodox Church of Cyprus, Catholic Near East Welfare Association. URL consultato il 19 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2009).
  6. ^ Cyprus, in The World Factbook, Central Intelligence Agency. URL consultato il 19 gennaio 2010.
  7. ^ About Cyprus - Towns and Population, in Government Web Portal - Areas of Interest, Government of Cyprus. URL consultato il 19 gennaio 2010.