Grattacielo di Rimini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grattacielo di Rimini
Rimini, Grattacielo, 5.jpeg
Il grattacielo visto dalla stazione di Rimini
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
LocalitàRimini
Coordinate44°03′58.01″N 12°34′19.05″E / 44.066115°N 12.571959°E44.066115; 12.571959Coordinate: 44°03′58.01″N 12°34′19.05″E / 44.066115°N 12.571959°E44.066115; 12.571959
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1957-1959
Inaugurazione3 ottobre 1959
UsoPiano 0 Negozi - Piano 1 Uffici - Piani 2-28 Residenziale
AltezzaTetto: 101,50 m
Ultimo piano: 93 m
Piani28
Ascensori6 rapidi + 1 montacarichi di servizio
Realizzazione
IngegnereRaoul Puhali

Il grattacielo di Rimini è l'unico grattacielo della città romagnola di Rimini.

I primi scavi per la realizzazione delle sue fondamenta ebbero inizio nell'ottobre 1957, mentre i lavori di costruzione della struttura (su progetto dell'ingegnere istriano Raoul Puhali[1]) terminarono nel 1959.[2] Nel 1960 furono completati gli allestimenti degli appartamenti agli ultimi piani.

Si trova nelle vicinanze della stazione ferroviaria, in una posizione di collegamento tra il centro storico e il mare. Ha un'altezza di circa 101,50 m e dispone di 28 piani fuori terra, che includono 180 appartamenti ed uffici, serviti da 6 ascensori rapidi in grado di raggiungere l'ultimo piano in 50 secondi e da un montacarichi di servizio, su di un podio destinato a svariati esercizi commerciali. Questo avancorpo ospitò negli anni '70, al primo piano, la scuola media statale n. 4 di Rimini. Dispone inoltre di portineria 24h, telecamere di sicurezza e un'autorimessa da circa 70 posti auto al piano interrato.

Nel 2017 il regista Marco Bertozzi ha presentato il film-documentario intitolato "Cinema Grattacielo"[3] dopo 10 anni di riprese, interamente girate all'interno dello stabile e interpretate da alcuni abitanti del grattacielo di Rimini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]