Giusto di Canterbury

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Giusto di Canterbury
Statua di san Giusto nella cattedrale di Rochester
Statua di san Giusto nella cattedrale di Rochester

Vescovo

Morte 10 novembre 627
Venerato da Chiesa cattolica, Chiese ortodosse orientali, Chiesa Anglicana
Ricorrenza 10 novembre
Patrono di Volterra

Giusto di Canterbury (Roma, ... – 10 novembre 627) è stato un vescovo cattolico e santo italiano, benedettino; inviato nel 601 in Inghilterra come missionario dal papa Gregorio Magno su richiesta di sant'Agostino, primo arcivescovo di Canterbury; divenne vescovo ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 604 divenne primo vescovo di Rochester. Quando, dopo la morte di re Ethelbert del Kent, scoppiò una persecuzione contro i cristiani, si rifugiò in Gallia. Un anno dopo però fu rimesso nella sua carica, che tenne fino al 624, quando divenne il terzo arcivescovo di Canterbury, ricevendo il pallium da papa Bonifacio V. Come suo successore al vescovato di Rochester consacrò Romano.

Giusto è conosciuto per aver scritto ai cristiani britannici e irlandesi, chiedendo loro di conformarsi al rito della Chiesa cattolica, ma le sue epistole furono ampiamente ignorate. L'evento più importante del suo arcivescovato fu l'evangelizzazione della Northumbria. Paolino fu consacrato arcivescovo di York da Giusto e, nel giro di due anni, re Edwin fu battezzato con molti suoi sudditi in una piccola chiesa costruita a York, vicino all'odierna cattedrale.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Rochester Successore BishopCoA PioM.svg
nuova diocesi 604 - 624 Romanus
624 - 630
Predecessore Arcivescovo di Canterbury Successore Archbishcantarms.png
Mellito
619 - 624
624 - 10 novembre 627 Onorio
627/631 - 653
Controllo di autorità VIAF: (EN17616704 · GND: (DE102518173