Giunio Annio Basso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il praefectus urbi del 359, vedi Giunio Basso.
Giunio basso su un cocchio, pannello in opus sectile della basilica di Giunio Basso sull'Esquilino

Giunio Annio Basso (latino: Iunius Annius Bassus; fl. 318-331; ... – ...) fu un politico dell'Impero romano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Basso fu prefetto del pretorio per 13 anni, dal 318 al 331, quando tenne anche il consolato; diverse leggi contenute nel Codice teodosiano sono indirizzate a lui.[1]

Costruì una basilica civile sull'Esquilino a Roma, la Basilica Iunii Bassi, famosa per la sua decorazione in opus sectile.

Suo figlio, Giunio Basso, fu praefectus urbi: il suo famoso sarcofago è uno dei più antichi raffiguranti scene cristiane pervenuti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Si veda Martindale per un elenco delle leggi indirizzate a Basso.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Elsner, J.R., Imperial Rome and Christian Triumph: The Art of the Roman Empire AD 100-450, Oxford University Press, 1998, ISBN 0192842013, p. 192.
  • Martindale, John Robert, e Arnold Hugh Martin Jones, The Prosopography of the Later Roman Empire, Cambridge University Press, 1971, ISBN 0521072336, pp. 154-155.
Predecessore
Flavio Gallicano,
Aurelio Valerio Tulliano Simmaco
Console romano
331
con Flavio Ablabio
Successore
Lucio Papio Pacaziano,
Mecilio Ilariano