GitLab

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
GitLab
sito web
Logo
Gitlab screenshot december 2015.png
Schermata di GitLab
URLgitlab.com
Tipo di sitoControllo versione
LinguaInglese
Scopo di lucro
ProprietarioGitLab Inc.
Creato daDmitriy Zaporozhets

Valery Sizov

Lancio2011
Stato attualeattivo
Scritto inRuby, Go

GitLab è una piattaforma web open source che permette la gestione di repository Git e di funzioni trouble ticket. Appartiene a GitLab Inc.

A dicembre 2016, l'azienda conta 150 membri interni[1], più oltre 1400 contributori open source.[2] Viene utilizzato da organizzazioni come IBM, Sony, Jülich Research Center, NASA, Alibaba, O'Reilly Media, CERN[3][4][5], European XFEL, GNOME Foundation e SpaceX[6].

Originariamente il codice venne scritto in Ruby, ma successivamente alcune parti furono riscritte in Go.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Come tutti i software di controllo versione, GitLab permette la creazione di repository pubblici o privati, in cui gli sviluppatori possono caricare il proprio codice e gestire le modifiche alle varie versioni in contemporanea al lavoro di più persone. In GitLab è possibile lavorare parallelamente ad altre persone sullo stesso progetto senza generare conflitti, caricare il proprio lavoro nel repository remoto (operazione di push) e poter unire alla fine le modifiche di tutti in un unico progetto (operazione di merge). È possibile fare delle merge request per il proprietario del repository, oltre al tracciamento degli issue, la possibilità di scrivere commenti e allegare documenti.

GitLab mette a disposizione diverse funzionalità a seconda del tipo di abbonamento e del prezzo pagato. È comunque possibile utilizzarlo gratuitamente, seppur con delle limitazioni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il software di GitLab è stato scritto da Dmitriy Zaporozhets e Valery Sizov, e originariamente era distribuito sotto licenza MIT.[7] Nel luglio 2013, il prodotto è stato diviso in: GitLab CE (Community Edition) e GitLab EE (Enterprise Edition).[8]

Nel marzo 2015, GitLab acquista Gitorious, un servizio di Git hosting concorrente e nel luglio dello stesso anno accresce di 1,5 milioni di dollari in seed funding.[9] Tra i nuovi clienti vi sono Alibaba Group, IBM e SpaceX.[9]

Nel gennaio 2017, in seguito a un cyber attacco, un amministratore cancella accidentalmente un database di produzione. Sei ore di dati riguardanti issue e merge request sono andati persi.[10] Il 15 marzo 2017, GitLab acquisisce Gitter.

Dopo l'acquisizione di GitHub da parte di Microsoft[11] avvenuta il 4 giugno 2018, aumenta il numero di progetti importati su GitLab.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ GitLab Team Page, su GitLab. URL consultato il 17 dicembre 2016.
  2. ^ GitLab Contributors, su GitLab.com. URL consultato il 17 dicembre 2016.
  3. ^ Degeler, GitLab is building a business with 0.1% of paying customers, su thenextweb.com, 4 giugno 2014.
  4. ^ CERN, Services - CERN or commercial provider?, su information-technology.web.cern.ch.
  5. ^ Services - GitLab, su lrz.de.
  6. ^ (EN) Y Combinator-backed GitHub competitor GitLab raises $1.5M, in VentureBeat, 9 luglio 2015. URL consultato il 6 giugno 2018.
  7. ^ Ship it faster and cheaper - GitLab is GitHub for your own servers - The Next Web, in The Next Web, 13 ottobre 2011.
  8. ^ GitLab - Announcing GitLab 6.0 Enterprise Edition, in gitlab.com.
  9. ^ a b Y Combinator-backed GitHub competitor GitLab raises $1.5M, in VentureBeat.
  10. ^ GitLab.com Database Incident, su about.gitlab.com. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  11. ^ (EN) Microsoft + GitHub = Empowering Developers - The Official Microsoft Blog, in The Official Microsoft Blog, 4 giugno 2018. URL consultato il 6 giugno 2018.
  12. ^ (EN) GitLab.com Status on Twitter, in Twitter. URL consultato il 6 giugno 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]