Giovanni Michelazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La casa-galleria Vichi

Giovanni Michelazzi (Roma, 11 luglio 1879San Domenico di Fiesole, 22 agosto 1920) è stato un architetto italiano e uno dei più importanti esponenti dello stile Liberty in Toscana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma, lasciò la capitale in tenera età per trasferirsi a Lucca e, successivamente, a Firenze, città nella quale conseguì il diploma in Architettura nel luglio 1901. [1]

Michelazzi è l'architetto che ha realizzato tutte le opere architettoniche di maggior rilievo in stile Liberty a Firenze. Eppure della sua opera si era persa quasi completamente memoria, tanto che alcune sue costruzioni sono state demolite negli anni 50 e 60 e solo negli ultimi trent'anni si è ricostruita la sua attività alla quale la critica ha attribuito un posto di rilievo nell'architettura del Novecento italiana.

La sua comparsa come architetto sulla scena fiorentina risale al 1902-03 con un intervento di scarso rilievo ma altamente significativo di quello che sarà il suo metodo progettuale, capace di influenzare lo stile Liberty toscano. L'intervento consiste nell'aggiunta ad un tradizionale villino posto nell'ottocentesco viale del Poggio Imperiale a Firenze di un una pensilina in ferro e vetro, un nuovo portale, e la completa revisione del balcone sovrastante, aggiungendo montanti in calcestruzzo che si attaccano al muro con una morbida plasticità e un'estensione a membrana.

Michelazzi con questo piccolo intervento rivelava chiaramente l'origine del suo linguaggio, riconducibile all'Art Nouveau francese e belga, ma mostrava anche il suo metodo di lavoro che era basato su finissime elaborazioni dell'apparato decorativo poggiato sul piano murario e vi si possono rintracciare alcuni stilemi che saranno ricorrenti nelle sue opere comprese certe figure come quella del drago. Se il 1911 è l'anno d'oro per Michelazzi con la realizzazione del suo capolavoro, Casa-galleria Vichi sempre a Firenze, ne segna anche il percorso involutivo che lo porterà a realizzare edifici segnati da un recupero stilistico al ritroso, dal villino Baroncelli in via Duprè del 1914, per finire col neorinascimentale della casa d'abitazione di via Giovanni Prati a Firenze del 1915.

Si tolse la vita a soli 41 anni, nella notte tra il 21 e il 22 agosto 1920, davanti alla Badia Fiesolana, in località San Domenico, in virtù di una clausola, presente nella causa di separazione dalla moglie, che affidava a quest'ultima la custodia dei figli. Il luogo del decesso era lo stesso in cui, nel gennaio 1901, si era spento il pittore e grafico svizzero Arnold Böcklin, che in loco aveva acquistato una villa nel 1895, ispiratore di Michelazzi stesso.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luca Quattrocchi, Giovanni Michelazzi 1879-1920, Franco Cosimo Panini, 1993, ISBN 8876862560.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN40439707 · ISNI (EN0000 0000 6682 1611 · LCCN (ENn94045152 · GND (DE128853425 · BNF (FRcb12450337b (data) · ULAN (EN500062265
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie
  1. ^ Luca Quattrocchi e Giovanni Michelazzi, Giovanni Michelazzi: 1879-1920, Franco Cosimo Panini, 1º gennaio 1993. URL consultato il 21 novembre 2018.