Giovanni Gersen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monumento a Joannes Gersen, auctor libri De Imitatione Christi nel Duomo di Vercelli. Dedicatum MDCCCLXIV

Giovanni Gersen, nato come Giovanni da Cavaglià (Cavaglià, 1243 – ...), è stato un monaco cristiano italiano dell'ordine benedettino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato abate dell'abbazia benedettina di Santo Stefano a Vercelli dal 1220 al 1250 e autore di alcuni scritti di carattere dottrinale tra i quale probabilmente il celeberrimo testo religioso l'Imitazione di Cristo[1].

Si è pensato che l'autore indicato come Gersen (o anche Gerson), fosse immaginario, solo nel XIX secolo si è identificato in questa figura, ad opera dello storico G. Antonio De Gregory autore della Storia letteraria vercellese, l'autore della De Imitatione Christi[2].

Secondo la tradizione infatti il Gersen nacque a Cavaglià nel luogo dove fino al 1912 sorgeva la cascina Campi di Giugno, in seguito demolita.[3] Il comune biellese gli ha intitolato la centrale via Gersen.[4]

Di tale monaco non si conoscono altri dettagli a causa della scarsità di fonti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prefazione de L'imitazione di Cristo, Torino, 2005
  2. ^ La patria; geografia dell'Italia edito nel 1890 - figura 83.
  3. ^ AA.VV, Comuni della Provincia di Biella, Cuneo, Nerosubianco edizioni, 2005.
  4. ^ Sito Google maps, consultato nel dicembre 2010

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autore anonimo, Imitazione di Cristo, Torino, San Paolo Editore, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]