Giovanni Crisostomo Javèlli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Crisostomo Javèlli (San Giorgio Canavese, 1470 circa – Piacenza, 1538 circa[1]) è stato un filosofo e teologo italiano. Domenicano, fu rettore degli studi di teologia a Bologna dal 1518 al 1521.

Opere, 1580

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrato, forse nel 1485, nell'Ordine dei frati predicatori, studiò teologia nel convento bolognese di San Domenico[1]. Si distinse negli scritti filosofici dove sosteneva le ipotesi del pensiero aristotelico mentre era contrario all'averroismo. In teologia si schierò contro Lutero.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Solutiones rationum animi mortalitatem probantium, 1519.
  • Tractatus de animae humanae indeficientia, 1536.
  • Epitome in Ethicen, hoc est, moralem Platonis philosophiam ed Epitome in Politicam, hoc est civilem Platonis philosophiam, 1536.
  • Logicae Compendium, 1572.
  • (LA) [Opere]. 1, Lugduni, Charles Pesnot, Antoine Blanc, 1580.
  • (LA) [Opere]. 2, Lugduni, Charles Pesnot, Antoine Blanc, 1580.
  • (LA) [Opere]. 3, Lugduni, Charles Pesnot, Antoine Blanc, 1580.
  • Expositio in primum tractatum primae partis d. Thomae ed Expositio super tractatum de Trinitate primae partis d. Thomae, 1596.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giovanni Crisostomo Javèlli, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9899287 · ISNI (EN0000 0001 0868 795X · LCCN (ENno95046313 · BNF (FRcb122185725 (data)