Gianni Deserri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gianni Deserri (Ferrara, 13 luglio 1948Cupra Marittima, 8 settembre 2022) è stato un pittore e scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A Bologna frequentò il Liceo Artistico Statale conseguendo il diploma di maturità e proseguì gli studi iscrivendosi all'Accademia, nella sezione Scultura. All'età di 24 anni divenne prima assistente e poi professore del Liceo in cui era stato studente, trasferendosi successivamente all'Istituto Statale d'Arte per oltre trent'anni. Artista poliedrico non solo si dedicò alla scultura, ma nella sua carriera si cimentò anche nella pittura e nel disegno tecnico, fino all'illustrazione. Per oltre vent'anni, è stato nel direttivo del Club Amici dell'Arte, con sede nella galleria Il Rivellino di Ferrara e nella Chiesa di San Nicolò, il cui abside si ascrive a Biagio Rossetti.

Prese parte a mostre collettive tra cui: Per Schifanoja. Interpretazioni di artisti ferraresi (Ferrara, Castello estense, 1987)[1] e La gamba perduta (Bondeno, Pinacoteca comunale, 2008), incentrata sul culto di San Sebastiano.[2]

Lo scrittore Dario Deserri è il figlio.

Decesso[modifica | modifica wikitesto]

A causa di un infarto, nel pomeriggio di giovedì 8 settembre è deceduto mentre si trovava in vacanza con la famiglia a Cupra Marittima.[3]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio "Vittorio Sandoni", Bologna, 2003.
  • Concorso "I misteri della luce", Bologna, 2004.
  • 6º Premio Nazionale Il Percorso della Memoria", Ferrara, 2010.
  • Premio d'arte contemporanea "Il Segno", Galleria Zamenhof, Milano, 2012.
  • Premio Lucio Fontana, Torino, 2012.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per Schifanoja. Interpretazioni di artisti ferraresi, a cura di Lucio Scardino, Liberty House, Ferrara, 1987
  2. ^ G. Cerioli, Sebastiano ferrarese, in La Pianura, n. 1, 2009, pp. 69-72
  3. ^ Andrea Musacci, Addio a Gianni Deserri amato scultore ferrarese, su andreamusacci.com. URL consultato il 13 settembre 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La Cronaca, NAC Novegro Arte contemporanea, cat. Immagini Spazio Arte, Cremona, 2008.
  • L'Ippogrifo, rivista bimestrale Associazione G.S.F., Comune di Ferrara, 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie