Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Geras (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Geras, dettaglio di una pelike attica, ca. 480 a.C.-470 a.C., Louvre.

Nella mitologia greca, Geras (in greco antico: Γῆρας, Gễras) era il dio della vecchiaia.[1] Era considerata una virtù perché più gēras un uomo aveva, più kleos (fama) e arete (eccellenza e coraggio) era considerato avere.

Secondo Esiodo, Gēras era figlio di Nix.[2] Igino aggiunge che suo padre era Erebo.[3]

Era raffigurato come un piccolo vecchietto raggrinzito. L'opposto di Gēras era Ebe, la dea della giovinezza. Il suo equivalente romano era Senectus. La sua figura è conosciuta soprattutto grazie alle rappresentazioni sui vasi che lo mostrano con l'eroe Eracle; sfortunatamente, il mito che le ha rappresentate è andato completamente perso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La parola Γέρας, Gĕras significa bottino o premio.
  2. ^ Esiodo. Teogonia, 225.
  3. ^ Igino, Preface.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca