Gaio Oppio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gaio Oppio (... – post 42 a.C.) è stato un politico e biografo romano.

Appartenente al rango degli Equites, fu un convinto sostenitore di Gaio Giulio Cesare, del quale curò le relazioni con gli altri politici. Dopo la morte di Cesare, strinse rapporti anche con Marco Tullio Cicerone, e favorì l'ascesa di Ottaviano. Fu autore di varie biografie (tra cui quella dello stesso Cesare, di Publio Cornelio Scipione Africano e di Gaio Cassio Longino), e di un libro in cui sosteneva che Cesarione non era in realtà figlio di Cesare. Gli vengono attribuiti il Bellum Hispaniense, il Bellum Africum e il Bellum Alexandrinum.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Svetonio, Cesare, 56
  2. ^ Luciano Canfora, Giulio Cesare. Il dittatore democratico, p.444
Controllo di autoritàVIAF: (EN302844407 · LCCN: (ENnr95038416 · GND: (DE119148978