GK Persei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
GK Persei
GKPersei-MiniSuperNova-20150316.jpg
GK Persei ripresa da Chandra
ClassificazioneNova
Classe spettraleBe+K2sdI
Distanza dal Sole1500 anni luce
CostellazionePerseo
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta03h 31m 11,82s
Declinazione+43° 54′ 16,8″
Dati osservativi
Magnitudine app.+14 (min)
+0,2 (max)
Magnitudine ass.+2,92 / ?
Velocità radiale28 km/s
Nomenclature alternative
Nova Persei 1901, HR 1057, HD  21629, AAVSO 0324+43.

Coordinate: Carta celeste 03h 31m 11.82s, +43° 54′ 16.8″

GK Persei (GK Per) è una stella nella costellazione di Perseo e una delle novae più note osservate in passato. Si trova nella regione di cielo compresa tra Algol (β Persei) e Mirfak (α Persei). Conosciuta anche come Nova Persei 1901[1], normalmente la sua magnitudine apparente è di 13,1 e dista circa 1500 anni luce dal sistema solare[2].

Scoperta[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 febbraio 1901, quando fu scoperta dall'astronomo amatoriale scozzese Thomas David Anderson[3], raggiunse la magnitudine +0,2, rivaleggiando in brillantezza con Vega e Capella[3][4]. La sua luminosità aumentò di circa 10.000 volte in appena due giorni, e dopo un altro paio di giorni dalla sua massima luminosità scese alla magnitudine 2, divenendo di sesta magnitudine due settimane più tardi. Da quel momento la sua luminosità cominciò a oscillare per diversi mesi, riducendosi fintanto che non sparì dall'osservazione a occhio nudo, tornando poco a poco, nei successivi undici anni, alla magnitudine +13. A partire dal 1966, GK Persei ha mostrato esplosioni ricorrenti ogni 3 o 4 anni, con aumenti di luminosità anche di 3 magnitudini[3].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

GK Persei circondata dalla Nebulosa Fuochi d'Artificio (LEDA 1305).

GK Persei è una stella binaria con un periodo orbitale di 1,997 giorni[5], ed è un'insolita nova. Le due componenti sono relativamente distanti, per cui è difficile il trasferimento di massa dalla stella normale alla nana bianca. Si pensa che la stella principale, di tipo spettrale K2, sia in procinto di lasciare la sequenza principale aumentando notevolmente il suo diametro[2].

Dopo l'esplosione nel 1901 tipica di una nova classica, dal 1966 in poi GK Persei ha cominciato a mostrare caratteristiche simili a quelle delle variabili cataclismiche. La scoperta dell'emissione di raggi X ha permesso di classificare GK Persei nel sottogruppo delle variabili DQ Herculis[3].

Le eruzioni di GK Persei hanno lasciato attorno a sé un resto di nova conosciuto come Nebulosa Fuoco d'Artificio, nebulosa classificata con la denominazione LEDA 1305[6]. Il residuo dell'esplosione della stella si estende per circa 0,7 anni luce[2], mentre i gas si espandono alla velocità di 1200 km/s[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ V* GK Per -- Nova, SIMBAD. URL consultato il 29 marzo 2014.
  2. ^ a b c Nova Persei 1901 (GK Persei), Jumk.de. URL consultato il 29 marzo 2014.
  3. ^ a b c d GK Persei, The New Star of the 20thCentury, AAVSO, 17 luglio 2010. URL consultato il 29 marzo 2014.
  4. ^ David Darling, Nova Persei 1901 (GK Persei), Encyclopedia of Science. URL consultato il 29 marzo 2014.
  5. ^ AAVSO International Variable Star Index VSX (Watson+, 2006-2014) - GK Per, VizieR. URL consultato il 29 marzo 2014.
  6. ^ LEDA 13065 -- Bright Nebula, SIMBAD. URL consultato il 29 marzo 2014.
  7. ^ Nova remnant GK Per (the Firework Nebula), National Optical Astronomy Observatory. URL consultato il 29 marzo 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni