Free Jazz: A Collective Improvisation

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Free Jazz: A Collective Improvisation
Artista Ornette Coleman
Tipo album Studio
Pubblicazione 1961
Durata 37 min : 10 s
Dischi 1
Tracce 1 (LP) 2 (CD)
Genere Free jazz
Etichetta Atlantic
Produttore Nesuhi Ertegün
Registrazione 21 dicembre 1960
Ornette Coleman - cronologia
Album precedente
(1960)
Album successivo
(1961)

Free Jazz: A Collective Improvisation è il sesto album inciso da Ornette Coleman, registrato nel dicembre del 1960 e pubblicato dalla Atlantic Records nel 1961.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo del disco diede il nome all'allora nascente movimento free jazz. L'album contiene un doppio quartetto, uno per il canale destro ed uno per il sinistro; la sezione ritmica suona in contemporanea, e sebbene ci siano successioni di assoli, come da consuetudine nel jazz, essi sono mischiati ad esecuzioni strumentali "free-form" da parte della sezione fiati, che spesso si tramutano in improvvisazioni. Si tratta di un'opera complessa ma di facile assimilazione, l'unica lunga composizione presente è costituita da una serie di brevi fanfare dissonanti per fiati, che servono come interludi tra un assolo e l'altro dei musicisti. È il primo disco LP a contenere una così lunga improvvisazione (circa quaranta minuti), assolutamente inedita per i tempi.

L'album è stato definito da Chris Kelsey nella sua recensione del disco su Allmusic intitolata "Free Jazz: A Subjective History", come uno dei 20 dischi essenziali del Free Jazz.[1] L'opera servì come ispirazione e punto di partenza per lo sviluppo del movimento "free" e di enorme importanza per i successivi gruppi free jazz e per la registrazione di futuri album epocali come Ascension di John Coltrane e Machine Gun di Peter Brötzmann.

Copertina[modifica | modifica wikitesto]

La copertina originale dell'LP riportava una riproduzione del dipinto del 1954 di Jackson Pollock The White Light.[2] Altre edizioni dell'album sostituiscono il dipinto di Pollock con una foto di Ornette.

Tracce LP[modifica | modifica wikitesto]

  1. Free Jazz – 37:10

Tracce CD[modifica | modifica wikitesto]

  1. Free Jazz – 37:10
  2. First Take – 17:02 Bonus track nell'edizione CD; pubblicata originariamente nel 1971 sulla compilation Twins.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Canale stereo sinistro[modifica | modifica wikitesto]

Canale stereo destro[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kelsey, C. Free Jazz: A Subjective History
  2. ^ Jazz: A Film By Ken Burns, Episode 9, 2001.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz