Frank Dux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Frank William Dux (Toronto, 13 luglio 1956) è un artista marziale statunitense. Ha fondato la sua scuola di Ninjutsu nel 1975, chiamandola "Dux Ryu Ninjutsu". Un articolo sulle sue presunte imprese, che è apparso in Black Belt Magazine nel 1980, fu l'eventuale ispirazione per il film del 1988 Senza esclusione di colpi con Jean-Claude Van Damme[1].

Carriera nelle arti marziali[modifica | modifica wikitesto]

Dux afferma di essere stato iniziato e addestrato al Koga Yamabushi Ninjitsu da Senzo Tanaka.[2] Lo stile marziale di Dux, Ryu Ninjutsu, non è una Koryu (modulo feudale XV secolo di Ninjutsu), ma egli stesso affermò di averlo costruito "sulla base dei suoi principi radice Koga Ninja di adattabilità e di cambiamento costante".[2] Frank Dux ha formulato la tecnologia proprietaria di aumento che chiama DUX FASST (Attenzione-azione-abilità-strategia-tattiche).

La veridicità di molte delle affermazioni personali di Dux sono stati contestate, tra cui il suo background di arti marziali, combattimenti nel "Kumite" e il servizio militare. Secondo il Los Angeles Times, l'organizzazione che avrebbe organizzato il Kumite ha avuto lo stesso indirizzo di casa di Dux, e il trofeo che afferma di aver vinto è stato acquistato da lui in un negozio trofei locale.[3] Questo è stato contestato da Dux, che ha sostenuto che la ricevuta comprovante la frode è stata appositamente fabbricata per screditarlo. Egli sostiene inoltre che coloro che lo hanno criticato fanno parte di una cospirazione per screditarlo, guidato dal maestro ninjutsu Stephen K. Hayes, il quale Dux afferma lo vede come una minaccia.[4][5]

Nel 2012 Sheldon Lettich, co-sceneggiatore del film Senza esclusione di colpi (Bloodsport), basato sulle vicende di Dux al "Kumite", ha dichiarato che Dux era un imbroglione.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Dux ha scritto un'autobiografia 1996 dal titolo The Secret Man: Story Uncensored di An American Warrior. La storia di Dux è stata fonte di ispirazione per il film Senza esclusione di colpi del 1988, che ha coreografato.[6][7] Jean-Claude Van Damme ha recitato in questo film. Dux è anche accreditato come co-autore storia per il film La prova (The Quest).[8][9][10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David Richards, FILM; Jean-Claude Van Damme, the, uh, Actor?, in The New York Times, 4 settembre 1994. URL consultato l'8 agosto 2010.
  2. ^ a b Bob Mendel, Can Ninjitsu Make You the Ultimate Warrior, in Kick Illustrated, maggio 1981, pp. 47–49.
  3. ^ John Johnson, NINJA: Hero or Master Fake? Others Kick Holes in Fabled Past of Woodland Hills Martial Arts Teacher, Los Angeles Times, 1º maggio 1988. URL consultato il 17 maggio 2007.
  4. ^ "Full Mental Jacket" (August 1996) and "Stolen Valor: Profiles of a Phony-Hunter" (November 1998) Soldier of Fortune
  5. ^ Ralph Keyes, The post-truth era: dishonesty and deception in contemporary life (New York: St. Martin's Press 2004) p. 73 ISBN 0-312-30648-2
  6. ^ John Stewart,, Kumite: A Learning Experience, in Black Belt, November 1980, pp. 28–34, 91.
  7. ^ Dave Carter, Bloodsport - The Ultimate Martial Arts Movie, in Inside Kung Fu Presents the Complete Guide to Ninja Training, May 1987, pp. 38–47.
  8. ^ Van Damme Cleared in Suit Over 'Quest', The Los Angeles Times, 11 novembre 1998. URL consultato il 24 agosto 2010.
  9. ^ Kevin Thomas, A Knockout for Director Van Damme, The Los Angeles Times, 26 aprile 1996. URL consultato il 24 agosto 2010.
  10. ^ Thomas, Kevin (1996-04-26).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dux, Frank & Dr. Mark D. Selner. Unlocking Power: Keys to Success, in Black Belt, September 1980 Volume 18 #9, 46-50:58.
  • Dux, Frank. Self Defense Against Knives, in Black Belt, October 1980 V.18 #10, 30-34.
  • Dux, Frank. The Secret Man: An American Warrior's Uncensored Story (ReganBooks, 1996) ISBN 0-06-039152-9 e ISBN 978-0-06-039152-2
  • Dux, Frank & Gordon F. Richiusa. The Guide to Ninjutsu Knife Fighting, in Inside Kung Fu Presents: The Complete Guide to Ninja Training, July 1987: 76-79.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN58333105 · ISNI (EN0000 0000 3166 0758 · LCCN (ENn95103026