Francesco Calogero (fisico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Calogero (a destra) con Corrado De Concini (a sinistra) e Eugene Trubowitz (al centro) a Oberwolfach nel 1984.

Francesco Calogero (Fiesole, 6 febbraio 1935) è un fisico italiano, attivo nella comunità scientifica che si interessa di disarmo nucleare.

La vita[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del filosofo Guido Calogero, ancora bambino passò circa un anno (1942) a Scanno, dove il padre era stato confinato dal governo fascista. Qui ebbe l'opportunità di conoscere alcuni importanti intellettuali antifascisti del tempo. Tra questi Gaetano Fichera lo introdusse alle prime idee della matematica. Dopo la seconda guerra mondiale, Calogero si laureò cum laude in Fisica all'Università degli studi di Roma "La Sapienza", nel febbraio del 1958. Divenne docente di Fisica teorica presso la stessa università nel 1976. Ha svolto diversi periodi di ricerca all'estero (Europa, Stati Uniti, India, Russia).

La ricerca scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Calogero ha pubblicato circa 400 articoli su riviste scientifiche internazionali e quattro libri. La sua ricerca riguarda principalmente problemi a molti corpi e sistemi integrabili. Tra i più noti modelli da lui introdotti, va citato il sistema Calogero-Moser[1]. Ha anche formulato la cosiddetta ipotesi di Calogero[senza fonte], secondo cui la meccanica quantistica potrebbe essere generata dalla componente caotica del campo gravitazionale locale dovuta alla componente caotica del moto (classico) di tutte le particelle dell'universo causato dalla loro mutua interazione gravitazionale. Dal 1999 si occupa prevalentemente di sistemi dinamici isocroni, e di problemi matematici connessi (per esempio, proprietà degli zeri di polinomi).

L'impegno per il disarmo[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Calogero ha iniziato a interessarsi dei problemi dovuto al rischio delle armi nucleari dopo essersi trovato casualmente a Washington durante il fine settimana cruciale della crisi dei missili sovietici a Cuba (autunno 1962). Oggi è uno dei massimi esperti mondiali sul tema. Immediatamente dopo la caduta dell'Unione sovietica, ha sostenuto la necessità di acquistare le scorte di uranio arricchito presenti sul territorio russo (al fine di utilizzarle come combustibile per le centrali nucleari americane), onde evitare che gruppi paramilitari potessero appropriarsene. Il problema è diventato di grande attualità dopo gli attentati dell'11 settembre 2001.

Calogero è stato segretario generale delle Pugwash Conferences on Science and World Affairs dal 1989 al 1997, ed è tuttora membro del Pugwash Council. Ha fatto parte del Comitato Direttivo (Board) dello SIPRI dal 1982 al 1992. È stato uno dei fondatori di ISODARCO e dell'USPID.

Ha pubblicato oltre 400 articoli e numerosi libri riguardanti i rischi della proliferazione nucleare e le possibili strategie di disarmo. Nel 2001 ha partecipato al Simposio Nobel organizzato a Oslo dalla Fondazione Nobel per celebrare il centenario del Premio Nobel, presentando un contributo sui rischi associati alla possibilità di costruire facilmente ordigni esplosivi nucleari "tipo Hiroshima" ove si disponga di Uranio Altamente Arricchito ("weapon-grade"), in quanto il Pugwash aveva ricevuto il premio Nobel per la pace nel 1995 quando lui stesso ne era Segretario Generale.

Nel 2006 ha ricevuto il Premio Nazionale Nonviolenza[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni scientifiche: libri[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Francesco Calogero, Variable phase approach to potential scattering, New York, Academic Press, 1967.
  • (EN) Francesco Calogero, Antonio Degasperis, Spectral transform and solitons: tools to solve and investigate nonlinear evolution equations, Amsterdam, North Holland, 1985.
  • (EN) Francesco Calogero, Classical Many-Body Problems Amenable to Exact Treatments (Solvable And/or Integrable And/or Linearizable...) in One-, Two- And Three-Dimensional Space. (Lecture Notes in Physics Monograph m66), Berlin, Springer-Verlag, 2001, ISBN 3-540-41764-8.
  • F. Calogero, Isochronous systems, 264-page monograph, Oxford University Press, Oxford, 2008.

Pubblicazioni scientifiche: articoli scelti[modifica | modifica wikitesto]

  • Calogero, F., Solution of the one-dimensional N-body problem with quadratic and/or inversely quadratic pair potentials, in Journal of Mathematical Physics, vol. 12, 1971, pp. 419-436.
  • Calogero F., Marchioro C., Ragnisco O., Exact solution of the classical and quantal one-dimensional many body 43 problems with the two body potential Va(x) = g2 a2 =sinh 2 ax, in Lettere al Nuovo Cimento, vol. 13, 1975, pp. 383-387.

Pubblicazioni sulla proliferazione del nucleare[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Calogero, Armi, strategie e disarmo, Milano, Le Scienze, 1980.
  • Francesco Calogero, G.L. Devoto, La proliferazione delle armi nucleari, Bologna, Il Mulino, 1975.
  • Calogero, F., Fast-track the uranium deal. (US purchases from Russia), in Bulletin of the Atomic Scientists, v53, n6, novembre 1991, pp. 20-, B00097QVDO.
  • (EN) Marco de Andreis, Francesco Calogero, The Soviet Nuclear Weapon Legacy (SIPRI Research Reports), SIPRI Publication, 1995, ISBN 0-19-829197-3.
  • Calogero, F., Nuclear terrorism, in Bulletin of the Atomic Scientists, vol. 58, nº 3, maggio 2002, pp. 5-.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luisa Bonolis, Maria Grazia Melchionni, Carlo Bernardini, Fisici italiani del tempo presente : storie di vita e di pensiero, Venezia, Marsilio, 2003, ISBN 88-317-8228-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN44578153 · LCCN: (ENn82010803 · ISNI: (EN0000 0001 1631 9057 · ORCID: (EN0000-0002-2237-4682 · GND: (DE112739245