Fosfene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il fosfene è un fenomeno visivo caratterizzato dalla percezione di puntini luminosi (o scintille) in assenza di luce. Questo rientra nei fenomeni entoptici.

Rappresentazione artistica di un fosfene

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola fosfene deriva dal greco (phos (luce) e phainein (mostrare)).

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il fenomeno è stato osservato fin dai tempi dei greci e dai romani fino a Galeno, mentre in tempi più recenti, gli studi sono stati condotti da Keplero e Newton. I primi esperimenti per comprendere realmente la causa sono stati condotti da Giovanni Battista Morgagni, ma solo nel 1978 sono stati pubblicati i primi studi approfonditi sull'argomento.[1]

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

La causa di tale fenomeno (da non ritenersi un disturbo) è da riscontrarsi in una forte stimolazione meccanica (ma anche elettrica, magnetica o provocata da radiazioni ionizzanti)[2] dei fotorecettori.

Disturbi correlati[modifica | modifica wikitesto]

Anche se nella maggior parte dei casi è soltanto momentaneo, a volte il fosfene è causato dall'osservazione di punti estremamente luminosi (come il fissare insistemente una lampadina o il sole senza protezione) che impressionano la retina o altre volte dal movimento rapido degli occhi, a volte invece può indicare l'inizio di un distacco della retina o del vitreo. Il disturbo è molto diffuso in caso di emicrania.[3]

Esami[modifica | modifica wikitesto]

Per sicurezza occorre effettuare un esame del fundus, per comprendere l'eventuale gravità della situazione oculare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grüsser OJ, Hagner M, On the history of deformation phosphenes and the idea of internal light generated in the eye for the purpose of vision in Doc Ophthalmol, vol. 74, 1990, pp. 57-85.
  2. ^ Bókkon I., Phosphene phenomenon: a new concept. in Biosystems., vol. 92, maggio 2008, pp. 168-174..
  3. ^ Sannita WG, Narici L, Picozza P., Positive visual phenomena in space: A scientific case and a safety issue in space travel.] in Vision Res., vol. 46, luglio 2006, pp. 2159-2165.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Peduzzi, Manuale d’oculistica terza edizione, Milano, McGraw-Hill, 2004, ISBN 978-88-386-2389-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina