Forte San Lorenzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 9°19′27″N 80°00′11″W / 9.324167°N 80.003056°W9.324167; -80.003056

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Fortificazioni caraibiche di Panama: Portobelo-San Lorenzo
(EN) Fortifications on the Caribbean Side of Panama: Portobelo-San Lorenzo
Portobelo.jpg
TipoCulturali
Criterio(i) (iv)
Pericolodal 2012
Riconosciuto dal1980
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda

Il forte San Lorenzo si trova tra Portobelo e Chagres, nella Provincia di Colón, Panama. Dal 1980 è inserito tra i patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tutta la città di Portobelo è un complesso di strutture militari del XVII e XVIII secolo. È un tipico esempio di architettura coloniale spagnola. Il forte si affaccia sulla foce del Chagres.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1587, il Filippo II di Spagna inviò l'ingegner Battista Antonelli a perlustrare una zona che avrebbe dovuto diventare un avamposto della colonizzazione del Nuovo Mondo e un presidio militare per la rotta dell'ora estratto dal Perù e diretto alla Penisola iberica. L'area era infatti interessata da frequenti episodi di pirateria e contrabbando. L'anno successivo fu proposto un ssitema di fortificazione difensive contro la minaccia inglese, il quale comprendeva le seguenti località: La Habana, Puerto Rico, Santo Domingo, La Florida, Puerto Caballos, Bahìa de Fonseca, Santa Marta, Cartagena de Indias, Nombre de Dios, Portobelo, Rio Chagres e della città di Panama.[1]

La città di Portobello cadde nelle mani di Henry Morgan nel 1668, ed in quelle dell'ammiraglio Edward Vernon nel 1739.

Durante la sua storia il fortino venne continuamente ricostruito data la sua importanza nel commercio tra gli stati europei e le Indie. In tutte queste ricostruzioni venne edificato con stili diversi, passando dallo stile coloniale militare di Antonelli (XVI secolo) al neoclassico di Salas ed Hernandez (XVIII secolo).

Manutenzione[modifica | modifica wikitesto]

I siti archeologici di Portobello appartengono allo stato, che quindi si accolla la loro gestione. Nonostante questo il livello di conservazione è molto scarso, e le rovine appaiono in decadenza. Per fortuna appaiono anche tra i siti protetti dalla provincia di Colon, per cui ci si aspetta un miglioramento da questo punto di vista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sistemi di documentazione per l’analisi ed il progetto di recupero del forte San Lorenzo el Real del Chagre, Colón, Panama (PDF), in Restauro Archeologico, vol. 25, n. 1, Firenze University Press, 2017, pp. 2-3, DOI:10.13128/RA-21010, ISSN 1724-9686 (WC · ACNP), OCLC 8349072071 (archiviato il 25 febbraio 2020). Ospitato su archive.is.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN243222999 · LCCN (ENsh85050897
Patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità