Roberto Fogu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Fogus)
Jump to navigation Jump to search
Roberto Fogu
NazionalitàItalia Italia
GenereColonna sonora
Musica leggera
Jazz
Periodo di attività musicale1960 – 1995
Strumentovoce, pianoforte
Album pubblicati5

Roberto Fogu, noto anche con lo pseudonimo di Fogus, a volte scritto erroneamente Fogù, (Roma, 27 agosto 1936Copenaghen, 19 gennaio 1995), è stato un pianista e cantante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine sarda, pianista e arrangiatore di Don Marino Barreto Jr., si è esibito in molti locali tra cui il locale Elefante Bianco a Roma. È stato un raffinato pianista e suonava anche il trombone. Ha lavorato per tanti anni come musicista in Rai.

Nel 1974 compose assieme Marcello Ramoino la colonna sonora del film Prostituzione di Rino Di Silvestro.

Si è poi dedicato all'esecuzione di sigle italiane dei cartoni animati come quelle di Jeeg robot d'acciaio e Ryu il ragazzo delle caverne.

Nel 1982 incise come Orchestra Roy Fogusson String's l'album Incontro.[1]

Nella stagione 1988-1989 raggiunse il culmine della carriera come direttore artistico del coro di Gallicano, dove impostò l'attività musicale sulla musica leggera più che sulla musica classica.

Sigla di Jeeg robot d'acciaio[modifica | modifica wikitesto]

La sigla italiana dell'anime Jeeg robot d'acciaio è a lungo stata attribuita erroneamente a Piero Pelù, cantante dei Litfiba,[2] che a proposito di Fogu ha dichiarato: "Voglio girare un film su di lui, con quel suo timbro dannatamente soul e una vita tutta da raccontare..."[senza fonte]

L'equivoco nacque dal fatto che il gruppo Edipo e il suo Complesso cantò una cover di Jeeg robot d'acciaio imitando lo stile vocale di Pelù, nell'album Pura lana del 1990. Vista la grande notorietà di Pelù, cominciò a girare la voce che fosse proprio quest'ultimo a cantare. La diffusione della leggenda tramandò poi che Pelù fosse autore proprio della sigla originale.[3]

In omaggio alla leggenda, nel 2008 Piero Pelù ha eseguito una sua versione di Jeeg robot d'acciaio, contenuta nell'album solista Fenomeni.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1974 - Prostituzione - (Yep 00444) con Marcello Ramoino, colonna sonora dell'omonimo film
  • 1976 - Las Mariposas - (Ellecci RCZ 3005) con Moseholm e Binsy
  • 1977 - Jumping - (Edipan MPS 3014) con Calogero Taormina
  • 1980 - Confidential - (Ed. Abramo Alione AA1059)
  • 1980 - Music Relax N. One - (Hover Records/Pinciana Records)
  • 1980 - Music Relax N. Two - (Hover Records/Pinciana Records)
  • 1980 - Nel buio di una stanza - (Sirio LP 00211)
  • 1981 - L'uomo della Notte - (Storm ZSLTM 55470)
  • 1982 - Dedicati a Nino Cellupica - (Aberecord 33 AB 500)
  • 1982 - Incontro - (Aureus) come Orchestra Roy Fogusson String's -
  • 1989 - Strumentali - (Nuovo Repertorio Editoriale – NRE 1214)[1] con Nanni Latini

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1999 - She Had A Taste For Music con il brano Small Fawn Clawn (con Massimo Moriconi) tratto dal film Benvenuto Sesso di Joe D'Amato[6] - (Dagored Records)
  • 2000 - Mo'Plen Ninfadelica con il brano Una Vergine Da Rubare - (IRMA 499612-2)[7]
  • 2002 - Masoch Club Entertainment con il brano Un Moscovita A Roma[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]