Flik 1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Flik 1
Descrizione generale
Attiva1914 - 1918
NazioneAustria-Ungheria Austria-Ungheria Impero austro-ungarico
ServizioCross-Pattee-Heraldry.svg k.u.k. Luftfahrtruppen
VelivoliAviatik B.I
Albatros B.I
Aviatik D.I
Albatros D.III
Hansa Brandenburg C.I
Hansa-Brandenburg D.I
Lohner B.II
Battaglie/guerrePrima guerra mondiale
Comandanti
Degni di notaCapitano Otto Jindra
Oberleutnant Béla Macourek
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Flik 1 (Fliegerkompanie 1) fu la prima squadriglia della Kaiserliche und Königliche Luftfahrtruppen. Per un breve periodo fu di stanza al confine serbo, quindi trasferita in Russia e poi al fronte dei Balcani. Successivamente fu trasformata nel ruolo caccia (Flik 1J) e poi in bombardamento (Flik 1D).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

La squadriglia, vista la sua formazione nel 1914, appartiene alle prime unità al mondo. Quando scoppiò la prima guerra mondiale, da Fischamend fu portata al confine serbo a Bavanište di Kovin. Dopo che la Russia si unì alla guerra, fu reindirizzata sul fronte orientale, prima ad Ivano-Frankivs'k e poi a Čortkiv. A causa dell'avanzata russa fu ritirata a Sambir e poi a Cracovia. Il 25 luglio 1917, la squadriglia fu riorganizzata diventando Flik 1D da bombardamento; allo stesso tempo fu mandata sul fronte italiano con una base a Lehi. Nel 1918 fu trasformata in squadriglia caccia (Flik 1J) e diretta nei Balcani. Fu prima situata a Tirana, in seguito ad Igalo sulla riva della Bocche di Cattaro. Il primo comandante dell'unità era il tenente Josef Smetana, poi sostituito dal capitano Otto Jindra. A seguito dei trattati di pace, la forza aerea austriaca scomparse come arma nella monarchia e, di conseguenza, la squadriglia venne abolita.

Essa aveva come simbolo il gabbiano con aquila color oro con ali, ascelle, scudo convesso laterale ad arco.

Nella squadriglia c'erano sette assi (due di loro ungheresi) che conseguirono le seguenti vittorie nell'unità:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Reinhard Karl Boromäus Desoye: Die k.u.k. Luftfahrtruppe – Die Entstehung, der Aufbau und die Organisation der österreichisch-ungarischen Heeresluftwaffe 1912-1918, Diplomica Verlag, Hamburg 2000 ISBN 978-3-8324-2914-0 auf books.Google
  • Alexis Mehtidis: Italian and Austo-Hungarian military aviation on the Italian front in world war one, Tiger Lily Books, 2008 ISBN 978-0-9776072-4-2
  • Dr. Csonkaréti Károly: A császári és királyi légierő
  • szerk.: Gondos László: Repülőászok 1914-1918. Budapest: Zrínyi Kiadó, 243-244. o. (2015). ISBN 978 963 327 634 1

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]