Finis Bellis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Finis Bellis
Schip Fin de la Guerre.jpg
Descrizione generale
Prinsenvlag.svg
Tipo man-of-war
In servizio con Prinsenvlag.svg Province Unite
Varata 1585
Entrata in servizio 1585
Fuori servizio 1585

[senza fonte]

voci di navi e imbarcazioni a vela presenti su Wikipedia

La Finis Bellis (in latino Fine della guerra) fu un man-of-war corazzato impiegato dai ribelli olandesi durante l'assedio di Anversa, tra i primi esempi di navi corazzate. Talvolta è indicata col nome spagnolo o con quello francese, rispettivamente Fin de la Guerra e Fin de la Guerre.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La nave aveva l'aspetto di un enorme piattaforma galleggiante, con un cassero centrale presidiato da numerose armi da fuoco e da un migliaio di moschettieri.[1] Secondo alcune fonti, la nave era corazzata con spesse lastre di ferro.[2] Gli olandesi nutrivano forti speranza che la sua costruzione avrebbe cambiato le sorti dell'assedio, da qui il nome della nave. Una volta in azione, tuttavia, la nave si rivelò troppo pesante per i corsi d'acqua poco profondi e ben presto si arenò, spingendo alcuni osservatori spagnoli a soprannominarla beffardamente Los gastos perdidos (La spesa perduta).[1]

La Finis Bellis fu disincagliata e tentò un'ultima sortita, ma senza successo. Il 17 agosto 1585 Anversa cadde in mani spagnole.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Martin 1999
  2. ^ Rudlov 1910, p. 2f

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (ES) Juan Giménez Martín, Tercios de Flandes, Falcata Ibérica, 1999. ISBN 978-84-930446-0-2.
  • (DE) J. Rudlov, Die Einführung der Panzerung im Kriegschiffbau und die Entwicklung der ersten Panzerflotten in Beiträge zur Geschichte der Technik und Industrie, vol. 2, n. 1, 1910.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]