Ferdinand von Richthofen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferdinand Freiherr von Richthofen

Ferdinand Freiherr von Richthofen (Pokój, 5 maggio 1833Berlino, 6 ottobre 1905) è stato un geografo e geologo tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò geologia a Breslavia e a Berlino e dal 1856 al 1860 affinò i suoi studi in geologia nel Tirolo meridionale e nei monti Carpazi.

Viaggiò in America e partecipò alla Spedizione Eulenburg nel 1860 alla volta dell'Asia sud-orientale e precisamente nello Sri Lanka, in Giappone, a Taiwan, in Thailandia, nelle Filippine e nelle isole indonesiane di Celebes e Giava. Su quest'ultima entrò in contatto col medico e naturalista tedesco Franz Wilhelm Junghuhn.

Passò anche molto tempo in Cina, della cui terra scrisse China, in 5 volumi, pubblicati a partire dal 1887. Ha coniato l'espressione "Seidenstraße" (Via della seta) nel 1877, che da quel momento designò universalmente i fasci di vie carovaniere che univano oriente e occidente.

Come il suo contemporaneo Oskar Peschel, seppe fondere armoniosamente nelle sue ricerche e nelle sue opere i due indirizzi precedenti della geografia, quello fisico e quello storico.

Al ritorno dai suoi viaggi più importanti insegnò nelle Università di Bonn dal 1875 al 1883, di Lipsia dal 1883 al 1886 e di Berlino dal 1886 al 1905 (anno in cui morì). La sua tomba oggi si trova nel Cimitero Ovest di Stahnsdorf.

Altre sue opere significative sono:

  • Principles of the Natural System of Volcanic Rocks - Principi sul sistema naturale delle rocce vulcaniche, del 1867.
  • Fuhrer fur Forschungsreisende - Guida per gli esploratori, del 1886.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Fu zio di Manfred von Richthofen, passato alla storia col nome di Barone Rosso.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia dell'Ordine di Massimiliano per le Scienze e le Arti - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Ordine di Massimiliano per le Scienze e le Arti
— 1899

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN88633665 · ISNI: (EN0000 0000 9282 9895 · LCCN: (ENn84155048 · GND: (DE118745085 · BNF: (FRcb125230113 (data)