Federazione Italiana Nuoto Paralimpico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Federazione Italiana Nuoto Paralimpico
Logo
 
DisciplinaSwimming pictogram.svg Nuoto
Fondazione2010
ConfederazioneInternational Paralympic Committee (dal 2010)
European Paralympic Committee. (dal 2010)
SedeItalia Roma
PresidenteItalia Roberto Valori
MottoIl nuoto è uno solo
Sito ufficiale

La Federazione Italiana Nuoto Paralimpico, nota anche con l'acronimo FINP, è l'organo di governo, organizzazione e controllo del nuoto paralimpico in Italia. Affiliata al CIP definisce i regolamenti agonistici per le discipline natatorie per gli atleti disabili fisici ma dal 2017 in seguito alla modifica dello statuto da parte dell'assemblea generale della società approvate all'unanimità è stata riconosciuta la possibilità di far gareggiare nelle competizioni nazionali e regionali la classe di disabilità S14 (intellettiva relazionale).

Scopi[modifica | modifica wikitesto]

La FINP, apolitica ed aconfessionale, ha lo scopo di promuovere, organizzare, disciplinare e diffondere la disciplina del nuoto e di altre attività acquatiche ad esso ricondotte ed è strutturata secondo criteri democratici, volti ad assicurare il diritto di partecipazione all’attività promozionale ed agonistica degli atleti paralimpici, con disabilità fisica, visiva e intellettiva e relazionale di alto livello. in condizioni di uguaglianza e di pari opportunità.

Fini Istituzionali[modifica | modifica wikitesto]

Sono fini istituzionali della FINP: a) promuovere e disciplinare la pratica sportiva del nuoto e di altre attività acquatiche rivolta a persone disabili; b) curare la preparazione tecnica, agonistica ed organizzativa delle Squadre Nazionali, quando partecipano ai Giochi Paralimpici o ad altre competizioni internazionali, secondo le direttive del CIP; c) indire, organizzare, patrocinare gare sportive di nuoto e di altre attività acquatiche per persone disabili ad ogni livello, in campo provinciale, regionale, nazionale ed internazionale; d) promuovere la pratica sportiva del nuoto per atleti paralimpici in ogni fascia di età, diffondere il messaggio sportivo federale, organizzare manifestazioni giovanili ed eventi sportivi finalizzati all’integrazione e socializzazione della persona disabile;

Sono, altresì, scopi principali, connessi ai fini istituzionali della FINP:

a) favorire studi e ricerche nel settore dello sport ed in campi affini, sotto l'aspetto medico, sociale, economico e giuridico, anche attraverso l'istituzione di apposite Commissioni; b) promuovere i rapporti e lo scambio di informazioni con tutte le Associazioni, Federazioni o gruppi di persone, che, in Italia o all'estero, agiscono con scopi analoghi; c) collaborare con le istituzioni scolastiche ed universitarie al fine di promuovere e sviluppare la pratica sportiva del nuoto e delle attività acquatiche ad esso ricondotte; d) sostenere l’attività di formazione e ricerca attraverso diverse iniziative, anche in collaborazione con altre Federazioni Sportive Nazionali olimpiche e paralimpiche e con altri Enti e/o Istituzioni pubbliche preposte; e) concorrere, in ossequio alle specifiche disposizioni del CIP, all’adozione di misure di prevenzione e repressione del doping nello sport e di tutela sanitaria degli sportivi paralimpici.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Giochi Paralimpici.

La FINP è la Federazione Sportiva Paralimpica cui il CIP, Comitato Italiano Paralimpico, ha demandato la gestione, l'organizzazione e lo sviluppo dell'attività sportiva per la disciplina del nuoto. La sua costituzione è avvenuta in due fasi: la prima ha avuto luogo il 19 giugno 2010 con l'approvazione della Carta Statutaria mentre, in una seconda fase, in data 25 settembre 2010, si è proceduto all'elezione del Presidente e dei Consiglieri Federali. Il nuoto, già presente alle prime Paralimpiadi di Roma 1960, è una delle principali discipline praticate da atleti disabili. Ci si può cimentare nei quattro stili previsti dal regolamento, ovvero lo stile libero, il dorso, la rana e la farfalla, nonché nelle gare miste. Le principali competizioni quali le Paralimpiadi, i Mondiali e gli Europei sono organizzate in vasche da 50 metri con batterie e finali (8 finalisti). Da dicembre 2009 l'IPC Swimming ha previsto anche i Mondiali in vasca corta.

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Valori (2010-in carica) 3º mandato.

Le classificazioni nelle competizioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: nuoto paralimpico.

Le competizioni si svolgono in funzione della classe di disabilità. La classe è assegnata da apposita commissione denominata classificatrice con competenze nel settore tecnico e medico. .

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Nuoto Portale Nuoto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nuoto