Fava di Carpino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fava di Carpino
Fave broad bean.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegionePuglia
Zona di produzioneComune di Carpino
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
SettoreOrtofrutticoli e cereali

La fava di Carpino è il nome dato al legume (Vicia faba major - fava) coltivata nel territorio di Carpino (Italia), nel Gargano, in provincia di Foggia.

Le particolari sostanze contenute nei suoli di questa zona la rendono diversa dalla fava tradizionale[1].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La fava di Carpino, di dimensione medio-piccola, è una delle più apprezzate della regione. È caratterizzata da una fossetta nella parte inferiore, è verde al momento della raccolta e diventa di color sabbia con il tempo[2].

Raccolta[modifica | modifica wikitesto]

La raccolta avviene tra i mesi di giugno e luglio quando le piantine assumono un colore giallastro. Si falciano a mano e si legano in covoni, detti manocchi, che seccano sul campo[2]. A fine luglio si separano le fave dalla paglia utilizzando un forcone e poi si lanciano in aria per eliminare le particelle più piccole e leggere grazie alla brezza[2].

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

La sua consistenza morbida le permette di essere utilizzata in vari modi. Generalmente si cuoce su pignatte in terracotta a fuoco lento[2].

Tutela[modifica | modifica wikitesto]

Per la Fava di Carpino è attivo un presidio Slow Food per tutelarne le modalità tradizionali di coltivazione ed incentivarne la produzione[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Web[modifica | modifica wikitesto]

  • Comune di Carpino, La fava di Carpino, su comunecarpino.it. URL consultato il 7 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina