Erico di Auxerre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Erico di Auxerre (in francese Heiric d'Auxerre; Auxerre, 841876) fu uno scrittore e teologo francese appartenente all'ordine benedettino.

Allievo di Lupo di Ferrières ed anch'egli maestro nella Scuola dell'Abbazia di San Germano d'Auxerre, fu anche educatore di figure di rilievo della successiva generazione, quali Hucbald di Reims e Remigio di Auxerre. Si può notare quindi un filo di continuità nell'educazione carolingia. Heiric occupa un posto importante nella storia dei testi classici. Pubblicò raccolte di estratti da Valerio Massimo e Svetonio. Egli è stato anche il primo ad aver usato gli estratti di Petronio che circolavano in un volume, ora a Berna (357, scritto circa nell'870) e gli va attribuita una raccolta di testi rari, sopravvissuta in un codice scritto ad Auxerre negli anni dall'860 all'862 e da lui stesso postillato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leighton Reynolds e Nigel G. Wilson, Copisti e filologi. La tradizione dei classici dal medioevo ad oggi. Quarta edizione, Padova, Antenore 2016.
Controllo di autoritàVIAF (EN77120804 · ISNI (EN0000 0000 7978 2156 · LCCN (ENnr91031758 · GND (DE119215888 · BNF (FRcb12176434x (data) · BAV ADV10266525 · CERL cnp00991708