Eremo di Sant'Antonio del Mesco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eremo di Sant'Antonio del Mesco
Stato Italia Italia
Regione Liguria
Località Punta Mesco (Monterosso al Mare)
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Diocesi La Spezia-Sarzana-Brugnato
Stile architettonico Romanico
Inizio costruzione XI secolo
Completamento XV secolo

Coordinate: 44°08′17.27″N 9°38′06.5″E / 44.138131°N 9.635139°E44.138131; 9.635139

L'eremo di Sant'Antonio del Mesco è stato un edificio religioso sito lungo il sentiero boschivo per punta Mesco a Monterosso al Mare, nella Riviera spezzina-Cinque Terre in provincia della Spezia. Dalla chiesa con annesso romitorio, posti a 311 metri sul livello del mare, e di cui restano visibili alcuni ruderi, si gode di un ampio spazio panoramico dal promontorio di Portofino alle Cinque Terre e all'isola di Palmaria.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Un primo cenno dell'antico edificio medievale è risalente al 1380[1] anche se si presuppone che la chiesa, e annesso romitorio, possano essere stati edificati in un periodo molto antecedente, forse nell'XI secolo. Proprio in questo secolo, così come hanno attestato diversi studi sugli strati della struttura, pare sia risalente il primo impianto, mentre al XV secolo risalirebbe il secondo e definitivo ampliamento con pietra lavorata.

Della chiesa rimangono visibili l'abside, parte della volta e del muro perimetrale; dell'annesso convento soltanto qualche rudere. Il complesso fu abbandonato nel 1610 con il trasferimento dei religiosi nel nuovo complesso monastico degli Agostiniani di Levanto, oggi sede di spazi comunali e di un ostello della Gioventù.

La conservata statua di sant'Antonio abate, realizzata nel XV secolo, è tuttora custodita all'interno dell'oratorio della Morte e Orazione nel centro storico di Monterosso al Mare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte dal sito Levanto.com-Sant'Antonio del Mesco, levanto.com. URL consultato il 01-05-2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]