Emperipolesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Microscopia ottica che mostra l'emperipolesi in un caso di sindrome di Rosai-Dorfman

In anatomia patologica, l'emperipolesi (dal greco ἐν, «dentro», e πεϱιπολέομαι, «trasmigrare») è un fenomeno che consiste nel passaggio di linfociti all'interno di cellule eucariote[1].

Di solito lo si riscontra nelle infiammazioni croniche tipo la rettocolite ulcerosa, prostatiti croniche, gastriti croniche, surrenaliti autoimmuni. È possibile ritrovare in questi casi la presenza di polimorfonucleati all'interno di cellule gastriche, enterociti, cellule prostatiche.

Note[modifica | modifica wikitesto]