Elvira Mancuso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«... vere Donne, signore di se stesse, renitenti a divenire il cane domestico di un qualsiasi padrone.»

(Elvira Mancuso[1])
Elvira Mancuso

Elvira Mancuso (Caltanissetta, 1867Caltanissetta, 1958) è stata una scrittrice e insegnante italiana.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Elvira Mancuso, maestra di elementari nata e sempre vissuta a Caltanissetta. Scelse per scelta di vita di essere nubile. Essa è stata una scrittrice di impronta verista seguace di Giovanni Verga e Luigi Capuana.

Iniziò a scrivere alcune novelle, tra il 1889 e il 1891, con uno pseudonimo maschile sulla rivista femminile fiorentina Cornelia.[3] Nel 1906 scrisse la sua opera più importante e famosa: Annuzza la maestrina, un'opera auto-bibliografia incentrata sulla condizione della donna in Sicilia ad inizio secolo XX.

Sempre nel 1906 scrisse un'opera in versi Resede e ortiche e nel 1907 un saggio Sulla condizione della donna borghese in Sicilia: appunti e riflessioni.

Durante l'epoca fascista si dedicò esclusivamente all'insegnamento come maestra di elementari.

L'opera fortemente autobiografica Annuzza e la maestrina, è l'unico romanzo dell'autrice, in quest'opera la protagonista rifiuta il matrimonio come sistemazione per la vita. Nel romanzo l'autrice esprime tutta la sua avversione e il rifiuto verso al condizione della donna, determinata dal sistema etico e morale dell'epoca in Sicilia che avverte come mortificante e opprimente la sensibilità e dignità della stessa.

Questo romanzo fu un'opera fondamentale per la letteratura siciliana dell'epoca. Il romanzo che ha anticipato il lavoro dei grandi narratori italiani del XX secolo, doveva essere, per decisione di Italo Calvino, recuperato e ristampato negli anno 80 da Einaudi con una prefazione di Leonardo Sciascia, ma venne invece ristampato nel 1990 da Sellerio editore.

Leonardo Sciascia scrisse di esso:

«In questo libro vi sono molte verità che non invecchiano.»

([4])

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1889 al 1891:

  • Sacrificio, una novella. Pubblicata sulla rivista femminile “Cordelia”.
  • Serata in provincia, una novella. Pubblicata sulla rivista femminile “Cordelia”.
  • Sogno, una novella. Pubblicata sulla rivista femminile “Cordelia”.

Dal 1906 al 1909:

  • Resede e ortiche, opera in versi. Ed. Caltanissetta: Tip. Dell'omnibus, Fratelli Arnone, 1906.
  • Annuzza la maestrina, romanzo autobiografico. Ed. Caltanissetta: Tip. Dell'omnibus, Fratelli Arnone, 1906.
  • ripubblicato da Sellerio nel 1990, con il titolo: Annuzza: vecchia storia...inverosimile.
  • Sulla condizione della donna borghese in Sicilia: appunti e riflessioni. saggio letterario. Ed. Caltanissetta: Tip. Dell'omnibus, Fratelli Arnone, 1907.
  • Bagattelle, raccolta di opere varie 1909.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elvira Mancuso, una voce che grida nel deserto? |, litterandolitterando.it, 15 aprile 2014.
  2. ^ (ES) Elvira Mancuso, Editorial Periférica.
  3. ^ Patrizia Guida, La rivista post-unitaria "Cornelia". Donne tra politica e scrittura, su francoangeli.it.
  4. ^ (ES) La maestra annuzza, editorialperiferica.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19247248 · LCCN (ENno92013732
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie