Elliott Coues

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elliott Coues

Samuel Elliott Coues (Portsmouth, 9 settembre 1842Baltimora, 25 dicembre 1889) è stato uno storico e ornitologo statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si laureò alla George Washington University nel 1861 ed alla scuola medica del medesimo istituto nel 1863: un anno dopo, fu assunto nell'esercito col ruolo di aiuto-chirurgo.

Nel 1872 pubblicò il libro Key to North American Birds, il quale, assieme alle ripubblicazioni del 1884 e del 1901, è stato uno dei capisaldi nella sistematica standard dell'avifauna nordamericana, in particolare per quanto concerne la nomenclatura trinomiale.

Fino al 1876 restò in Massachussets come chirurgo, dopodiché fu eletto segretario e naturalista della United States Geological and Geographical Survey of the Territories, per la quale scrisse varie pubblicazioni. Un anno dopo venne eletto conferenziere della scuola medica alla quale si era laureato, e nel 1882 divenne rpofessore di anatomia.
Coues era un bibliografo assai attento: nel suo libro Birds of the Colorado Valley incluse una sezione nella quale tentava di chiarire se le rondini migrassero verso climi più caldi oppure si ibernassero nei laghi, come ai tempi si credeva:

« I have never seen anything of the sort, nor have I ever known one who had seen it; consequently, I know nothing of the case but what I have read about it. But I have no means of refuting the evidence, and consequently cannot refuse to recognize its validity. Nor have I aught to urge against it, beyond the degree of incredibility that attaches to highly exceptional and improbable allegations in general, and in particular the difficulty of understanding the alleged abruptness of the transition from activity to torpor. I cannot consider the evidence as inadmissible, and must admit that the alleged facts are as well attested, according to ordinary rules of evidence, as any in ornithology. It is useless as well as unscientific to pooh-pooh the notion. The asserted facts are nearly identical with the known cases of many reptiles and batrachians. They are strikingly like the known cases of many bats. They accord in general with the recognized conditions of hibernation in many mammals. »
(Birds of the Colorado Valley (1878), capitolo XIV.[1])

Nel 1881, si dimise dall'esercito per donarsi anima e corpo alla ricerca scientifica: fu tra i fondatori della American Ornithologists' Union ed il curatore principale del giornale dell'associazione, The Auk, oltre che di vari altri periodici a carattere scientifico-ornitologico.

Oltre all'ornitologia, ebbe a che fare anche con la mammalogia: il libro da lui scritto e pubblicato Fur-Bearing Animals (1877) si distingue per l'accuratezza e la completezza enciclopedica delle descrizioni delle varie specie trattate.

Cominciò inoltre ad interessarsi a materie come lo spiritualismo e la teosofia: maturò la convinzione che la scienza convenzionale non fosse capace di risolvere i problemi della vita e di vincere il destino. Convinto dagli allora rivoluzionari principi dell'evoluzionismo, egli era dell'opinione che essi avrebbero potuto essere applicati alla psicologia per spiegare fenomeni come ipnosi, chiaroveggenza o telepatia: a tal fine egli frequentò Madame Blavatsky.
In seguito, fondò la Gnostic Theosophical Society of Washington, e nel 1890 divenne presidente della Esoteric Theosophical Society of America: in questo periodo, tuttavia, cominciò a scemare il proprio interesse per la teosofia[2].

Opere[modifica | modifica sorgente]

Fra le sue molte pubblicazioni (in numerose delle quali collaborò con altri studiosi), si ricordano:

  • A Field Ornithology (1874);
  • Uccelli del Nord-Ovest (1874);
  • Monografia dei roditori nordamericani, a quattro mani con J. A. Allen (1877);
  • Birds of the Colorado Valley (1878);
  • Bibliografia dell'ornitologia, incompleto (1878-1880);
  • Avifauna del New England (1881);
  • A Dictionary and Check List of North American Birds (1882);
  • Biogen, A Speculation on the Origin and Motive of Life (1884);
  • Il demone di Darwin (1884);
  • La materia può pensare? (1886);
  • Neuro-Miologia (1887).

Ha inoltre scritto numerosi articoli per il Century Dictionary ed altre enciclopedie, e pubblicò i Diari di Lewis e Clark (1893), and I viaggi di Zebulon M. Pike (1895).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Allen, JA, Biographical memoir of Elliott Coues. in National Academy of Sciences: Biographical Memoirs, vol. 6, 1909, pp. 395-446.
  2. ^ Marble, C. C. 1900. The Late Dr. Elliott Coues. Birds and All Nature: February 1900.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 103652089 LCCN: n80022902

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie