Elezioni parlamentari in Croazia del 1992

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le elezioni parlamentari in Croazia del 1992 si sono tenute il 2 agosto. Sono state prime elezioni per la Camera dei deputati del Parlamento croato fondata secondo le norme della nuova Costituzione "postcomunista" (approvata il 22 dicembre 1990). Esse hanno visto la vittoria dell'Unione Democratica Croata, che ha espresso Hrvoje Šarinić come primo ministro.

Legge elettorale[modifica | modifica wikitesto]

In base alla legge elettorale promulgata nell'aprile 1992[1]:

  • 60 seggi sono assegnati proporzionalmente, secondo il metodo D'Hondt, tra le liste che abbiano ottenuto, su base nazionale, almeno il 3% dei voti (art. 24);
  • 60 seggi sono assegnati in collegi uninominali a turno unico; allo scopo di garantire la rappresentanza delle minoranze (ungherese; italiana; ceca e slovacca, rutena e ucraina; tedesca e austriaca), sono altresì contemplate 4 circoscrizioni speciali (art. 23);
  • alle minoranze che costituiscono almeno l'8% della popolazione, è garantito un numero di seggi proporzionale alla quota che esse rappresentano in relazione alla popolazione complessiva; il rapporto di proporzione assume come termine di riferimento 120 seggi; se tale quota non viene raggiunta, il numero dei seggi della Camera aumenta della misura corrispondente (art. 10, co. 1); i deputati da eleggere sono scelti tra i candidati, rappresentanti di una data minoranza, presentatisi nelle liste concorrenti su base nazionale (art. 26, co. 1). Ulteriori 13 seggi furono così assegnati alla minoranza serba (che contava 531.502 persone su 4.601.469, pari all'11,5%);
  • alle minoranze che costituiscono meno dell'8% della popolazione sono assegnati 5 seggi: 4 sono assegnati nelle anzidette circoscrizioni speciali (art. 10 co. 2); uno è attribuito tra i candidati presentatisi nelle liste concorrenti su base nazionale (art. 26, co. 1).

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Liste Liste nazionali Seggi
Voti % Seggi Collegi Minoranze Totale
Unione Democratica Croata (HDZ) 1.176.437 44,71 31 54 - 85
Partito Social-Liberale Croato (HSLS) 466.356 17,72 12 1 1 14
Partito Croato dei Diritti (HSP) 186.000 7,07 5 - - 5
Partito Popolare Croato (HNS) 176.214 6,70 4 - 2 6
Partito Socialdemocratico di Croazia (SDP) 145.419 5,53 3 - 8 11
Partito Contadino Croato (HSS) 111.869 4,25 3 - - 3
Azione Dalmata (DA) - IDS - RDS 83.623 3,18 2 4 - 6
Partito Democratico Croato (HDS) 72.303 2,75 - - - -
Partito Democratico Cristiano Croato (HKDS) 70.715 2,69 - - - -
Unione Social-Democratica di Croazia (SDU) 32.475 1,23 - - - -
Partito Socialista di Croazia (SSH) 31.575 1,20 - - - -
Partito Popolare Serbo (SNS) 28.620 1,09 - - 3 3
Partito Socialdemocratico di Croazia (SDH) 15.798 0,60 - - - -
Partito Popolare Cristiano (KNS) 11.930 0,45 - - - -
Partito Repubblicano Croato (HRS) 7.683 0,29 - - - -
Partito Croato della Legge Naturale (HSNZ) 7.611 0,29 - - - -
Movimento di Ricostruzione dello Stato Croato (HDP) 6.907 0,26 - - - -
Indipendenti N.D. 1 4 5
Totale 2.631.535 60 60 18 138
Schede bianche/nulle 59.338
Votanti 2.690.873
  • I seggi attribuiti nei collegi sono così ripartiti: 54 HDZ, 1 HSLS (coll. 16), 3 IDS (coll. 32, 33 e 34), 1 RDS (coll. 29), 1 indipendente (coll. 4).
  • Con riguardo ai 18 seggi complessivamente spettanti alle minoranze:
• i 4 seggi assegnati nelle circoscrizioni speciali sono stati attribuiti a candidati indipendenti;
• 1 seggio spettante alle altre minoranze è stato attribuito all'HSLS, con l'elezione di un rappresentante della minoranza ebraica;
• i 13 seggi spettanti alla minoranza serba sono stati così ripartiti: 8 SDP, 3 SNS; 2 HNS.
  • i 6 seggi attribuiti alla coalizione Azione Dalmata (DA) - Dieta Democratica Istriana (IDS) - Alleanza Democratica Fiumana (RDS) sono così ripartiti: 1 DA, 4 IDS, 1 RDS.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]