Eduard Einstein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Eduard Einstein (Zurigo, 28 luglio 1910Zurigo, 25 ottobre 1965) è stato uno psichiatra svizzero, era il secondo figlio di Albert Einstein e sua moglie Mileva Marić.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Einstein e la sua famiglia si trasferirono a Berlino nel 1914, ma presto Marić tornò a Zurigo, portando con sé Eduard e suo fratello. Eduard era un bravo studente e con talento musicale. Studiò medicina ma a 20 anni iniziò a manifestare i primi sintomi di schizofrenia. Secondo il fratello Hans Albert Einstein, il motivo dell'aggravarsi della sua malattia erano i trattamenti elettroshock che gli applicavano.[1]

Dopo un lungo periodo di internamento, Eduard disse a suo padre che lo odiava, e Einstein non lo vide mai più.[2]

Sua madre si prese cura di lui, fino alla sua morte nel 1948. Eduard visse la maggior parte del tempo nella clinica psichiatrica di Burghölzli a Zurigo, dove morì all'età di 55 anni. È sepolto nel cimitero di Hönggerberg a Zurigo.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barry Parker 2003: Einstein : the passions of a scientist. Prometheus Books. New York. Page 236.
  2. ^ Barry Parker 2003: Einstein : the passions of a scientist. Prometheus Books. New York. Pages 236-237.
  3. ^ Robert Dünki, Anna Pia Maissen: «…damit das traurige Dasein unseres Sohnes etwas besser gesichert wird» Mileva und Albert Einsteins Sorgen um ihren Sohn Eduard (1910–1965).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN42634344 · ISNI (EN0000 0000 2893 5490 · LCCN (ENn85254722 · GND (DE118810928 · BNF (FRcb119548033 (data)