Dustur (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dustur
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2016
Durata74'
Generedocumentario
RegiaMarco Santarelli
SoggettoMarco Santarelli
SceneggiaturaMarco Santarelli
ProduttoreRino Sciarretta
Casa di produzioneZivago Media e Ottofilmaker
Distribuzione (Italia)Luce Cinecittà

Dustur è un documentario del 2016 diretto da Marco Santarelli.[1]

Nella biblioteca del carcere Dozza di Bologna, un gruppo di detenuti, coordinati dal religioso Fra Ignazio e dal giovane Yassin Lafram, mediatore culturale musulmano e coordinatore della Comunità Islamica di Bologna, si confrontano sul valore della costituzione, comparando quella italiana a quella dei paesi arabi.

I detenuti infatti provengono da Tunisia, Marocco, Egitto e Algeria. Durante gli incontri, ai quali partecipano anche dei giuristi, si discute di esperienze, tradizioni e credenze religiose in relazione ai principi della Costituzione italiana. All'interno del carcere si affrontano numerosi temi quali l'uguaglianza, la libertà, il diritto al lavoro e all'istruzione; all'esterno invece scorre la storia del giovane Samad, ex-detenuto marocchino che, in attesa della fine della pena, ottiene il permesso di partecipare agli incontri come libero cittadino. Samad insieme ai suoi ex-compagni proverà a stilare una nuova dustur, che tradotto in lingua araba, significa "costituzione".

Il documentario, cominciato all'interno del carcere, si conclude nel cimitero di Casaglia[2] a Marzabotto, luogo simbolo della resistenza antifascista e della Costituzione Italiana. Il musulmano Samad e il cristiano Ignazio, religioso dell'ordine fondato da Giuseppe Dossetti, ritrovano proprio in quel luogo i valori condivisi della libertà e dei diritti umani da riconfermare stilando le Costituzioni.

In un'intervista il regista afferma: "Le riprese sono cominciate nel 2014, quando è partito il corso: ho filmato tutte e 24 le lezioni del frate dossettiano Ignazio, volontario religioso che ha studiato il diritto islamico e per molti anni ha vissuto in Medio Oriente".[3] Inoltre, aggiunge: "Il ruolo fondamentale dei volontari negli istituti penitenziari è quello che ho voluto omaggiare nei miei due lavori".[4]

Il film Dustur ha vinto lo Youth Award-Cinema du Réel, Parigi, 2016.[5]

Partecipazioni a festival:

  • Festival del Cinema Africano di Verona, novembre 2016;[6]
  • Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina di Milano, marzo 2017.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marco santarelli, su italiandoc.it.
  2. ^ Cimitero di Casaglia, su kidslink.bo.cnr.it. URL consultato il 7 febbraio 2017.
  3. ^ "Dustur", Islam e Costituzione dialogano all'interno del carcere, su Redattore Sociale. URL consultato il 7 febbraio 2017.
  4. ^ MILLEUNANOTTE di Marco Santarelli | MAXXI, in MAXXI, 1º febbraio 2017. URL consultato il 7 febbraio 2017.
  5. ^ (EN) Award list since 1979 — Cinéma du Réel, su www.cinemadureel.org. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  6. ^ Festival di Cinema Africano – Verona, su www.cinemafricano.it. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  7. ^ Dustur | Risultati della ricerca | Festival Cinema Africano, Asia e America Latina, su www.festivalcinemaafricano.org. URL consultato il 22 febbraio 2017.
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema