Dubailand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Dubailand è un parco divertimenti in sviluppo a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti che è di proprietà di Tatweer (che appartiene a Dubai Holding).

Il 23 ottobre 2003 fu annunciato il progetto, faraonico, che una volta terminato sarebbe stato il complesso di parchi a tema più grande del mondo, facendo impallidire Disney World di Orlando, essendo grande il doppio.

L'ufficio del sito e showroom, Dubailand centro di vendita, 7 marzo 2006

Varie aziende del divertimento fecero a gara per poter avere un proprio parco nel complesso Dubailand, tra le quali la Universal (ad oggi è possibile vedere, unica costruzione portata a termine, l'enorme entrata ad arco del parco "Universal Studios Dubailand", come un monolite nel deserto), Legoland, Dreamworks, Six Flags ed altre.

Solo la Disney si è dichiarata, fin dal primo momento, assolutamente non interessata ad aprire una Dubai Disneyland nell'area.

La costruzione del complesso si divide in 4 fasi. Tra il 2008 e il 2010 si prevedeva la conclusione dei lavori[senza fonte]. La crisi finanziaria che colpì anche gli Emirati Arabi pose uno stop al progetto.

All'inizio di marzo del 2013 è stato aperto il Dubai Miracle Garden, un giardino floreale di 72.000 metri quadri[1]. L'adiacente Dubai Butterfly Garden di 2.600 metri quadri è stato inaugurato nel 2015.[2]

Nell'ottobre del 2016 è stata inaugurata Legoland Dubai nel complesso di Dubai Parks and Resorts a 35 km da Dubailand.[3] Nel dicembre dello stesso anno, anche Motiongate Dubai, che comprende le attrazioni di DreamWorks, è stata aperta nel complesso Dubai Parks and Resorts.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) CNN Travel staff, World's largest natural flower garden in Dubai, su CNN Travel, 12 luglio 2017. URL consultato il 23 marzo 2019.
  2. ^ Dubai Butterfly Garden: The Complete Guide, su Headout, 30 dicembre 2021. URL consultato il 7 gennaio 2022.
  3. ^ Nick Webster, Legoland Dubai’s opening day wows visitors, su TheNational.ae, 31 ottobre 2016. URL consultato il 16 luglio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dubailand e, su dubailand.ae. URL consultato il 5 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2004).
  • Tatweer, su tatweerdubai.com.
  • Dubai Holding, su dubaiholding.com.