Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Doubt (manga)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il manga edito da Shogakukan, vedi Doubt!!.
Doubt
ダウト
(Doubt)
Doubt 1 copertina.jpg
Copertina del primo numero dell'edizione italiana
Generehorror, thriller psicologico
Manga
AutoreYoshiki Tonogai
EditoreSquare Enix
RivistaMonthly Shōnen Gangan
Targetshōnen
1ª edizioneagosto 2007 – marzo 2009
Tankōbon4 (completa)
Editore it.Edizioni BD - J-Pop
1ª edizione it.22 settembre 2012 – 31 gennaio 2013
Periodicità it.mensile
Volumi it.4 (completa)
Manga
Judge
AutoreYoshiki Tonogai
EditoreSquare Enix
RivistaMonthly Shōnen Gangan
Targetshōnen
1ª edizionegennaio 2010 – 12 luglio 2012[1]
Tankōbon6 (completa)
Editore it.Edizioni BD - J-Pop
1ª edizione it.22 ottobre 2013 – 19 luglio 2014
Volumi it.6 (completa)

Doubt (ダウト Dauto?) è un manga giapponese creato da Yoshiki Tonogai. È stato serializzato da agosto 2007 a marzo 2009 sulla rivista Monthly Shōnen Gangan di Square Enix. I singoli capitoli sono stati poi raccolti in quattro volumi tankōbon, pubblicati dal 22 dicembre 2007[2] al 22 maggio 2009[3]. In Italia è stato pubblicato dalla J-Pop dal 22 settembre 2012 al 31 gennaio 2013[4].

Un seguito alla storia, intitolato Judge (ジャッジ Jajji?), è stato serializzato sulla stessa rivista Monthly Shōnen Gangan da gennaio 2010 a luglio 2012 e raccolto in sei volumi[5].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Copertina del primo volume dell'edizione italiana di Judge

In Giappone esiste un gioco chiamato "Rabbit Doubt" in cui tutti i giocatori tranne uno sono conigli in una colonia, mentre il giocatore restante fa il lupo che si infiltra nel gruppo di conigli. Ad ogni turno il lupo uccide un coniglio e il gruppo deve capire quale dei conigli è in realtà il lupo. A volte i bambini che giocano a questo gioco decidono di incontrarsi di persona, proprio come accade a Yuu, Mitsuki, Rei, Hajime, Eiji e Haruka, ma uno di loro ha deciso di assumere realmente i panni del lupo e di uccidere davvero i "conigli". I ragazzi si risvegliano in un luogo sinistro, che sembra essere un ex manicomio. Yuu appena sveglio incontra Hajime, studente di medicina, e muovendosi nelle stanze trova il cadavere di Rei, ragazza paralitica, appeso al muro con l'ausilio di alcuni picchetti. Man mano i ragazzi si ritrovano e cercano di analizzare la situazione per trovare una via di uscita dalla loro "prigione". Scoprono così che ognuno di loro ha tatuato sul corpo un codice a barre, che gli permette di aprire una e una sola porta ciascuno. Tutti posseggono questo codice, tutti tranne Yuu, che si accorge ben presto di esserne privo, cerca però di non farlo scoprire agli amici per paura di essere scambiato per il lupo. Mentre la storia avanza, i "conigli" vengono uccisi uno alla volta, fino a quando Yū scopre che è Mitsuki a uccidere tutti. Il padre di Mitsuki aveva accettato di fare da garante per un prestito di un amico, ma fu tradito e gravato da un enorme debito, e tentò il suicidio. Per questo Mitsuki spiega che vuole punire tutti i bugiardi per ottenere la vendetta di suo padre, e quindi non si fida più di Yū, perché le ha mentito dicendole di non poter uscire con lei dopo la scuola una settimana prima. In realtà era stato con una compagna di classe a comprare segretamente un regalo di compleanno per Mitsuki , ma quandi questa li vide insieme e presumevano che fossero una coppia, uccidendo perfino il compagno di classe. Quando Mitsuki se ne va, Hajime rivela la sua vera identità di detective che indaga sulle scomparse adolescenti e gli porge un bisturi da usare come arma. Yū e Hajime l'hanno sconfitta con successo.Quando Yū prova ad aprire l'uscita con il codice a barre di Mitsuki, Rei si rivela essere viva e si identifica come il vero lupo. Rei sta cercando vendetta perché i media credevano che la sua ipnosi fosse una finzione, portando i suoi genitori che l'avevano sempre sostenuta a suicidarsi. Al fine di ottenere vendetta, ha manipolato Mitsuki, usando l'ipnosi per fingere di essere suo padre, che in realtà è morto in ospedale, e dandole ordini come "lui". Tuttavia, l'amore che Mitsuki ha per Yū occasionalmente sconfigge l'ipnosi. Rei libera i giocatori sopravvissuti e chiama la polizia. Mitsuki, che è caduto in coma, è accusato degli omicidi perché non ci sono prove che Rei fosse lì. All'ospedale, Yū riceve una chiamata da Rei. Lei rivela che la ragione per cui non c'era alcuna prova della sua presenza è perché uno degli agenti che lavorano sulla scena del crimine è uno dei suoi Lupi, e sebbene Yū cerchi di contattare Hajime, che è tornato sul posto per trovare prove, è troppo tardi per salvarlo dall'essere strangolato. Rei, inoltre, lo induce a dire una frase che fa risvegliare Mitsuki nella sua "modalità lupo": "Per quelli che amo". Nell'ultima scena, si avvicina a Yū con un coltello.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Terminano i manga: Judge, Brocken Blood e Junai Labyrinth, AnimeClick.it, 27 maggio 2012. URL consultato il 20 luglio 2014.
  2. ^ (JA) Doubt(ダウト) 1巻, Square Enix. URL consultato il 20 luglio 2014.
  3. ^ (JA) Doubt 4巻, Square Enix. URL consultato il 20 luglio 2014.
  4. ^ Lucca 2011: J-Pop annuncia Arago e K-On!, AnimeClick.it, 28 ottobre 2011. URL consultato il 20 luglio 2014.
  5. ^ (JA) ジャッジ, Square Enix. URL consultato il 20 luglio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga