Dolmen di Ladas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dolmen di Ladas
Luras - Dolmen di Ladas (02).JPG
Civiltàprenuragica
Utilizzosepoltura collettiva
EpocaNeolitico recente
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneLuras-Stemma.png Luras
Altitudine472 m s.l.m.
Amministrazione
EnteSoprintendenza per i beni archeologici per le province di Sassari e Nuoro
VisitabileSi
Mappa di localizzazione

Coordinate: 40°56′38.4″N 9°10′43.68″E / 40.944°N 9.1788°E40.944; 9.1788

Il dolmen di Ladas è un monumento archeologico funerario situato su un pianoro roccioso nelle immediate vicinanze dell'abitato di Luras, nella Sardegna nord-orientale. È ubicato a poca distanza da altri tre dolmen, Alzoledda, Billella e Ciuledda, in un'area ricca di testimonianze archeologiche che documentano la continuità dell'insediamento umano fin dalla preistoria. Il dolmen di Ladas è uno dei più grandi e monumentali della Sardegna e di tutto il Mediterraneo centrale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Realizzato in granito con funzione di sepoltura collettiva e, insieme, di luogo di culto è un classico esempio della cultura del megalitismo che ha caratterizzato l'Europa, e l'Isola in particolare, durante l'età del rame (III millennio a.C.). Il dolmen è costituito da una serie di massi squadrati e lastroni semilavorati disposti verticalmente in modo tale da creare una camera a pianta rettangolare della lunghezza di circa sei metri. Al di sopra, ad un'altezza di circa 2 metri e 20 altri due lastroni poggiati a piattabanda chiudono il vano funerario; uno dei due lastroni, tra i manufatti dello stesso genere, è per dimensioni il secondo in tutto il bacino del Mediterraneo: misura 4,80 x 3,42 m e ha uno spessore di circa 45 cm. Posizionati obliquamente, altri lastroni poggiano sulle pareti del dolmen mentre uno, all'interno, suddivide una parte del vano. L'ingresso del dolmen, rivolto verso sud, è largo 2,30 m e alto 1,20.

Datazione[modifica | modifica wikitesto]

Analisi sui reperti rinvenuti durante lavori di consolidamento dei dolmen di Alzoledda e Ciuledda svolti a fine Novecento hanno permesso di ascrivere l'impianto dei due monumenti al Neolitico recente (3200 a.C. circa), corrispondente alla fase più antica della cultura di Ozieri. Tale datazione, antecedente rispetto a quella generalmente accettata per la nascita del fenomeno dolmenico in Sardegna, seppure in assenza di dati materiali è stata proposta anche per il dolmen di Ladas.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Manlio Brigaglia, Salvatore Tola (a cura di), Dizionario storico-geografico dei comuni della Sardegna, Sassari, Carlo Delfino editore, 2009, ISBN 88-7138-430-X.
  • Luisanna Usai, Gallura: dolmen, nuraghi, castelli. Itinerari di archeologia nella provincia di Sassari, Sassari, Editrice democratica sarda, 1991.
  • Bert D'Arragon, Nota preliminare sul recente ritrovamento di materiale ceramico di tipo San Michele di Ozieri a Luras (SS), in Quaderni della Soprintendenza archeologica per le Province di Sassari e Nuoro, nº 21, Ozieri, Il torchietto, 1999, pp. 133-174.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]