Dolmen di Billella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dolmen di Billella
Luras - Dolmen di Billella (02).JPG
Civiltàprenuragica
Utilizzosepoltura collettiva
EpocaNeolitico recente
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneLuras-Stemma.png Luras
Altitudine459 m s.l.m.
Amministrazione
EnteSoprintendenza per i beni archeologici per le province di Sassari e Nuoro
VisitabileSi
Mappa di localizzazione

Coordinate: 40°56′14.18″N 9°09′36.71″E / 40.937272°N 9.160196°E40.937272; 9.160196

Il dolmen di Billella è un monumento archeologico funerario situato su un pianoro roccioso a circa un chilometro dell'abitato di Luras, nella Sardegna nord-orientale. È ubicato a poca distanza da altri tre dolmen, Alzoledda, Ciuledda e Ladas, in un'area ricca di testimonianze archeologiche che documentano la continuità dell'insediamento umano fin dalla preistoria.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Realizzato in granito con funzione di sepoltura collettiva e, insieme, di luogo di culto è un classico esempio della cultura del megalitismo che ha caratterizzato l'Europa, e l'Isola in particolare, durante l'età del rame (III millennio a.C.). Il dolmen è eseguito secondo il sistema trilitico (dal greco tri, tre, e lithos, pietra) - il più antico schema architettonico conosciuto - caratterizzato da elementi portanti disposti in verticale che ne sorreggono degli altri poggiati orizzontalmente.
In particolare il dolmen di Billella è costituito da tre ortostati, due posizionati su un lato e un terzo di grandi dimensioni (m 2,20 x 0,60 x 1,20) dalla parte opposta. Funge da copertura un grande lastrone quadrangolare di m 2,20 x 2,30 x 0,60, grezzo e arrotondato nella parte superiore e appiattito nella faccia inferiore. Ne risulta un vano a pianta rettangolare con dimensioni di m 2 x 1,70 e una altezza di 1,70 m con ingresso rivolto a nord-est.

Datazione[modifica | modifica wikitesto]

Analisi sui reperti rinvenuti durante lavori di consolidamento dei dolmen di Alzoledda e Ciuledda svolti a fine Novecento hanno permesso di ascrivere l'impianto dei due monumenti al Neolitico recente (3200 a.C. circa), corrispondente alla fase più antica della cultura di Ozieri. Tale datazione, antecedente rispetto a quella generalmente accettata per la nascita del fenomeno dolmenico in Sardegna - seppure in assenza di dati materiali, è stata proposta anche per il dolmen di Ladas.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Manlio Brigaglia, Salvatore Tola (a cura di), Dizionario storico-geografico dei comuni della Sardegna, Sassari, Carlo Delfino editore, 2009, ISBN 88-7138-430-X.
  • Angela Antona, Luras, in I Sardi. La Sardegna dal paleolitico all'età dei nuraghi, a cura di Emmanuel Anati, Milano, Jaca Book, 1984, pp. 278-279.
  • Luisanna Usai, Gallura: dolmen, nuraghi, castelli. Itinerari di archeologia nella provincia di Sassari, Sassari, Editrice democratica sarda, 1991.
  • Luras, dolmen di Billella, su sardegnacultura.it, Regione Autonoma della Sardegna. URL consultato il 30 marzo 2018.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]