Divine Divinity

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Divine Divinity
videogioco
PiattaformaMicrosoft Windows
Data di pubblicazioneEuropa 13 settembre 2002

Stati Uniti 22 settembre 2002

GenereVideogioco di ruolo
TemaFantasy
OrigineBelgio
SviluppoLarian Studios
PubblicazioneCDV
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputTastiera, mouse
SupportoCD-ROM
Requisiti di sistemaPII 450 MHz, 128Mb RAM, 8MB di memoria video, drive CDROM 4X, scheda audio compatibile 100% Directsound, 2.5 GB spazio su HD; OS: Windows 95/98/ME/2000/XP
Fascia di etàESRB: T

Divine Divinity è un videogioco di ruolo a tema fantasy sviluppato da Larian Studios per Microsoft Windows, e distribuito nel 2002. Il gioco ha avuto uno spin-off[1] intitolato Beyond Divinity ed un seguito (intitolato Divinity 2 - Ego Draconis) distribuito negli ultimi mesi del 2009.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Migliaia di anni fa, i membri del Consiglio Dei Sette, nella terra magica di Rivellon, si sacrificarono in una lotta contro un gruppo di maghi traditori, che sono passati al lato oscuro della magia. Per ricordare il Consiglio Dei Sette, L'Ordine Divino venne fondato per passare la conoscenza dei saggi alle future generazioni.

Duemila anni dopo, segni di agitazioni civili, guerra, odio e avidità indicarono che il lato oscuro era tornato ad essere forte e che si stava preparando un nuovo attacco a Rivellon.

Le profezie dei saggi hanno menzionato un divino salvatore delle sette razze. Questa persona sarà trovata e benedetta in una cerimonia segreta prima che lui o lei cada nelle mani del nemico. Ma succede tutto nella terra di Divinity.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Dotato di una visuale isometrica, Divine Divinity può essere considerato la commistione fra Diablo 2 e Baldur's Gate: dal primo riprende la visuale e gli oggetti creati in maniera casuale; dal secondo lo stile grafico e la possibilità di sfruttare la pausa per modificare l'equipaggiamento o scegliere una magia.

Prima del gioco è possibile scegliere una fra tre classi: fighter (guerriero), mage (mago) e survivor (sopravvissuto, classe simile a quella del ladro). Ogni classe è associata ad un albero delle abilità correlata ad'essa: tuttavia la scelta non è obbligatoria, e non è vietato (anche se sconsigliato, dato che le statistiche variano) ad esempio creare un guerriero che utilizza magie.

Traduzione[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco non è stato ufficialmente tradotto in italiano, esiste però una patch realizzata dal gruppo amatoriale ITP (Italian Translation Project); autore anche delle traduzioni di Planescape: Torment, The Elder Scrolls III: Morrowind, Arcanum: Of Steamworks and Magick Obscura.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MobyGames entry
  2. ^ Divinity 2 – Ego Draconis sito ufficiale
  3. ^ Traduzione Divine Divinity, su itpteam.org. URL consultato il 21 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 12 dicembre 2007).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi